///
Anche USSI in corsa con gli appassionati della Storia in bici

Anche USSI in corsa con gli appassionati della Storia in bici

Dal Primo settembre la pedalata “ROMA – SANTA MARIA DI LEUCA” tra paesaggi, cultura e salute dedicata al centenario della LILT è in cammino su due ruote

Mille chilometri, 10 tappe, 4 regioni e 100 comuni. E’ partita giovedì 1° settembre la carovana di un centinaio di ciclisti e di appassionati delle due ruote provenienti da tutta Italia saliti in sella alla propria bicicletta, per intraprendere il viaggio nella Storia e nella prevenzione che dalle Catacombe di San Callisto di Roma li condurrà – sabato 10 settembre – a Santa Maria di Leuca, punta estrema dello Stivale in provincia di Lecce (il percorso è inserito nel calendario nazionale della Federazione Ciclistica Italiana).

L’edizione 2022 del progetto “La Storia in bici” è la sesta ed è anche quella che porta più lontano e i pedalatori della “Roma-Santa Maria di Leuca 2022” dedicano quest’anno il loro viaggio al centenario della LILT – Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori. Il percorso – che parte dal complesso delle Catacombe di San Callisto, considerate il primo cimitero ufficiale della comunità romana – attraverso le Consolari toccherà borghi e città di Lazio, Abruzzo, Molise, Puglia, come Tivoli con le sue affascinanti ville, passando sui tratturi della transumanza, percorrendo il Parco Nazionale d’Abruzzo e la Costa dei Trabocchi, fermandosi in luogo simbolo della fede, San Giovanni Rotondo, fino a raggiungere la cosmopolita Bari e poi Leuca, per gli orientali  il primo lembo di Occidente nel punto in cui si abbracciano i due mari Adriatico e Ionio. Ovunque sono previsti momenti di condivisione, appuntamenti con amministrazioni e istituzioni locali e serate culturali. In ogni tappa non mancherà inoltre l’accoglienza delle Delegazioni Provinciali LILT, impegnate nella diffusione e nella promozione di importanti messaggi a favore della prevenzione.

«L’attività sportiva è uno dei pilastri della prevenzione primaria. Oltre al benessere, gli amici dell’Associazione “La Storia in Bici” condividono con anche intenti a sfondo sociale e comunitario, come il valore della Storia, della scoperta, della partecipazione e della divulgazione; non poteva quindi esserci occasione migliore per festeggiare il nostro primo secolo di attività» commenta il Presidente Nazionale della LILT Francesco Schittulli.

Arrivata alla sua sesta edizione, questa iniziativa unica in Italia unisce un modo di viaggiare lento e sostenibile, la passione per lo sport all’aria aperta e la scoperta del patrimonio storico, artistico e culturale italiano, in un itinerario che si snoda tra aree archeologiche, templi pagani, santuari cristiani, memoriali e luoghi d’interesse circondati da bellezze paesaggistiche di inestimabile valore, invidia del mondo. Il viaggio può contare in questa edizione sul supporto di “Puglia Promozione” dell’Agenzia regionale del Turismo e anche sulla condivisione con la Fondazione “Cammini di Leuca – verso de finibus terrae”, il progetto della Conferenza Episcopale Italiana per promuovere forme di integrazione, valorizzazione e fruizione del patrimonio ambientale e culturale.

Grazie alla ormai storica collaborazione con la Polizia di Stato, i pedalatori viaggeranno in sicurezza e si faranno a loro volta portatori di un fondamentale messaggio di rispetto delle regole di convivenza e di osservanza delle norme del codice della strada. Ad assicurare la migliore riuscita del progetto l’entusiasmo degli amministratori delle comunità coinvolte nelle dieci tappe, che dal Lazio alla Puglia accoglieranno i ciclisti provenienti da tutte le regioni italiane in incontro di culture e di esperienze.

«Il nostro è un Paese straordinario e la bicicletta è il mezzo migliore per conoscerlo e assaporarlo, senza tralasciare le sfumature che rendono unici i nostri paesaggi, la nostra gente, la nostra gastronomia, i nostri mille accenti e dialetti. Farlo in gruppo, insieme a tanti amici, rende l’esperienza ancora più affascinante ed offre la possibilità della condivisione, della scoperta, dell’avventura, delle socialità. In questi anni abbiamo tessuto una rete di percorsi, di incontri, di scambi con territori spesso non abbastanza valorizzati, di celebrazioni storiche. Questo ci rende orgogliosi e ci aiuta a guardare con occhi nuovi anche all’attualità. Un po’ come la LILT che in un secolo ci ha resi consapevoli che gli artefici del nostro benessere e del nostro futuro siamo noi e l’attenzione che dedichiamo a noi stessi, alla nostra salute e a quella degli altri» commenta Michelino Davico, Presidente dell’Associazione La Storia in Bici e animatore del progetto.

Il Presidente dell’USSI, Gianfranco Coppola, ha consegnato al Presidente Davico il gagliardetto della propria Associazione e donato il libro “Il Giro racconta” di Gianpaolo Porreca, dedicato ai 115 arrivi del Giro d’Italia in Campania, al Vicepresidente Onorario UCI Renato Di Rocco per manifestare la vicinanza della stampa sportiva al mondo del ciclismo e per avvalorare l’importanza culturale dell’iniziativa.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Parrinello in casa Ussi

Una figura che rappresenta vigore e passione, rigore e sacrificio: il generale Parrinello per oltre 30 anni al comando del Gruppo Sportivo delle Fiamme Gialle,

39 Best Cam Sites Of 2022

Our favourite feature was the value menu, which lets you know upfront who charges 6 tokens a minute, 12, 18, 30, and all the way

Livesexcams

If you ever notice any weird habits, you probably can report this profile and it’ll get suspended or blocked by the web site directors or