///
Gianni Merlo confermato alla presidenza di AIPS. Eletto il nuovo comitato esecutivo

Gianni Merlo confermato alla presidenza di AIPS. Eletto il nuovo comitato esecutivo

Da sin. – A. AlZahrani; A. Malik; I. Darras; J. Ozmec; G. Merlo; E. Yilmaer; Z. Csisztu; M. Moutaouakkil; A. Abdolhamid; Back: C. Castellanos; H. Takeuchi; C. Camenzuli; E. Ortiz; V. Dattoli; J. Prieto; E. Fantaneanu; J. Langer; M. Ventolluiac; J. Zidar

Gianni Merlo è stato rieletto presidente dell’International Sports Press Association (AIPS) per il quinto mandato. È stato rieletto per acclamazione nella giornata conclusiva dell’84° Congresso AIPS a Roma, il 5 ottobre 2022.

Anche Esat Yilmaer (Turchia) e Jura Ozmec (Croazia) sono stati rieletti rispettivamente per le posizioni di primo vicepresidente e tesoriere.

La giornata conclusiva dell’84° Congresso AIPS è iniziata alle 9:30 con un emozionante momento di silenzio per tutti i colleghi scomparsi nei due anni e mezzo precedenti all’ultimo Congresso.

VICEPRESIDENTI Il voto segreto è stato utilizzato per selezionare i quattro vicepresidenti. Per la prima volta nella storia dell’associazione, due donne sono state elette vicepresidenti: Evelyn Watta (Kenya), che ha mantenuto il suo posto di vicepresidente, e Zsuzsa Csisztu (Ungheria), che è diventata vicepresidente per la prima volta, dopo aver prestato servizio come componente del Comitato Esecutivo uscente. Anche Ioannis Daras (Grecia) e Mohammed Hiji (Qatar) sono stati rieletti vicepresidenti.

Sono stati tutti eletti a maggioranza assoluta: Csisztu ha ricevuto 96 voti, Daras – 94, Watta – 93 e Hiji – 89. Il quinto candidato Mohamed Ould El Hassan (Mauritania) ha ottenuto 36 voti.

Per quanto riguarda i membri del comitato esecutivo, c’erano originariamente 14 candidati per 13 posizioni, ma El Hassan (Mauritania) si è ritirato e, in linea con lo statuto, i restanti 13 membri sono stati eletti per acclamazione.

Sono: Malik Amjad Aziz (Pakistan), Adel Al Zahrani (Arabia Saudita), Gao Chao (Cina), Vicente Dattoli (Brasile), Emanuel Fantaneanu (Romania), Josef Langer (Austria), Morad Moutaouakkil (Marocco), Ernesto Ortiz (Prieto), Juan Antonio Prieto (Spagna), Ahmadi Seyed Abdolhamid (Iran), Hiroshi Takeuchi (Giappone), Marc Ventolluiac (Francia), Jose Zidar (Slovenia).

LE DICHIARAZIONI DI GIANNI MERLO – “Questo è un momento di rinnovamento dopo un lungo periodo di Covid, di problemi, e ne affronteremo di più, ma stare di nuovo insieme è molto importante. In questi anni, anche con il Covid, abbiamo fatto qualcosa di speciale“, ha esordito il numero uno di AIPS, Gianni Merlo, prima di mostrare un video che ha ripercorso i principali eventi di AIPS dal 2017 ad oggi, tra cui il lancio degli AIPS Sport Media Awards (quattro edizioni dal 2018), AIPS Young Reporters Programs (Austria, Qatar, Paesi Bassi, Londra, Amsterdam, Pyeong Chang , Birmingham, Bruxelles, Uruguay, Losanna, Abu Dhabi, Italia e San Marino, Rabat, Lima, Doha, Losanna, Oregon), il lancio di AIPS e-College (due edizioni) e cinque AIPS e-Conferences e Seminari su discriminazione, disuguaglianza di genere, salute mentale, Olimpiadi di Tokyo e Champions League. Merlo ha inoltre dichiarato: “Personalmente, durante la prima parte del lockdown, sono molto contento per quello che abbiamo organizzato e per quello che abbiamo fatto per fronteggiare l’altro virus che stiamo vivendo, cioè le fake news e diverse crisi mondiali. Dobbiamo restare uniti e costruire ponti. Siamo completamente indipendenti dal resto del mondo e spero che questo sia l’inizio di una nuova era, per studiare qualcosa di nuovo sulla prossima generazione di giornalisti. La nostra professione sta cambiando, ma i principi, ad essere onesti, non hanno funzionato correttamente. L’unica cosa che cambia sono gli strumenti per raggiungere i nostri obiettivi. Dobbiamo continuare questo processo di innovazione. Per questo spero che si inizi una nuova era.

Il neoeletto Comitato Esecutivo AIPS (2022-2026)

Presidente

Gianni Merlo (Italia)

Primo vicepresidente

Esat Yilmaer (Turchia)

Vicepresidenti

Zsuzsa Csisztu (Ungheria)

Ioannis Daras (Grecia)

Mohammed Hiji Ali (Qatar)

Evelyn Watta (Kenya)

Comitato esecutivo

Malik Amjad Aziz (Pakistan)

Adel Al Zahrani (Arabia Saudita)

Gao Chao (Cina)

Vicente Dattoli (Brasile)

Emanuel Fantaneanu (Romania)

Josef Langer (Austria)

Morad Moutaouakkil (Marocco)

Ernesto Ortiz (Uruguay)

Juan Antonio Prieto (Spagna)

Ahmadi Seyed Abdolhamid (Iran)

Hiroshi Takeuchi (Giappone)

Marc Ventolliiac (Francia)

José Zidar (Slovenia)

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.