///
Architettura cerimoniale della Repubblica: l’iniziativa nel “Giorno dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate”

Architettura cerimoniale della Repubblica: l’iniziativa nel “Giorno dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate”

Il Prefetto Francesco Tagliente moderatore – Foto Mezzelani Di Bacco GMT

Si è tenuta oggi, mercoledì 26 ottobre, presso il Salone d’Onore del CONI un network per celebrare il tricolore italiano nella cornice del “Giorno dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate”.

L’incontro ha visto la partecipazione dell’Associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana (ANCRI), Unione della Stampa Sportiva Italiana (USSI), Dipartimento della Pubblica Sicurezza e CONI. Fra le personalità presenti all’incontro il Presidente del CONI Giovanni Malagò, il Capo della Polizia e Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Prefetto Lamberto Giannini, il Presidente nazionale dell’ANCRI Tommaso Bove e Gianfranco Coppola, Presidente nazionale dell’USSI.

L’intervento del Presidente USSI, Gianfranco Coppola

Tema dell’evento è stato il rispetto delle forme e delle regole istituzionali con l’obiettivo dell’evento è stato quello non solo di ripercorrere il significato autentico dei pilastri portanti del patrimonio valoriale nazionale, ma anche essere un appello agli educatori impegnati nelle scuole, nello sport ed in ogni ulteriore contesto formativo, a stimolare le nuove leve a recepirne i contenuti, a farli propri ed a rendersi portatori.

Il Presidente di USSI Toscana, Franco Morabito, uno degli ideatori dell’evento.

Gli interventi

La giornata è stata ricca di interventi. L’evento si è avvalso della partecipazione dello storico del risorgimento Michele D’Andrea, che ha offerto agli ospiti l’interpretazione autentica del testo dell’inno nazionale italiano. Ha contribuito anche Enrico Passaro, Capo Ufficio Vicario del cerimoniale di Palazzo Chigi, che ha il tema dei contenuti sostanziali delle principali manifestazioni protocollari, prendendo spunto dal suo recente libro “Non facciamo cerimonie! A spasso nelle vicende del protocollo di Stato”. È intervenuto anche il Vice Direttore dell’Ufficio Relazioni esterne e cerimoniale del Dipartimento della pubblica Sicurezza Domenico Cerbone e Massimo Sgrelli, esperto di cerimoniale della Repubblica. L’intervallo canoro è stato affidato al Maestro della Banda musicale della Polizia di Stato Maurizio Billi, nonché al tenore Maestro Francesco Grollo.

Il commento 

Per il prefetto Francesco Tagliente già Questore di Roma organizzatore dell’evento questo incontro ha rappresentato un’opportunità per richiamare l’attenzione delle istituzioni, del mondo dello sport e, ancor più, dell’opinione pubblica sulla esigenza di imprimere un vigoroso impulso alla valorizzazione di quei simboli “primari” della Repubblica democratica su cui si fonda lo Stato italiano”.

Il prefetto ha spiegato come comportamenti errati di figure istituzionali e reinterpretazioni allegoriche dell’inno nazionale siano sintomo di un deficit di conoscenza del cerimoniale di Stato. “La necessità di dare nuova linfa alla cultura di valori quali il tricolore, l’inno nazionale, attaccamento e difesa dei valori nazionali rappresenta un investimento non solo per l’attualità, ma anche e, soprattutto, per le generazioni che nel prossimo futuro saranno chiamate a gestire il nostro Paese”.  

(Fonte RomaToday)

FOTO MEZZELANI – DI BACCO – GMT

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Corte federale d’appello, confermata la sanzione da 250mila euro al Napoli

Il club di Aurelio De Laurentiis aveva impedito l’accesso alle conferenze stampa di alcuni cronisti. Episodi stigmatizzati più volte dall’Ussi. “Adesso, a un mese dall’avvio del campionato, arriva un segnale importante per il diritto di cronaca che conferma il nostro impegno quotidiano” dice Gianfranco Coppola

Ussi e libertà di stampa, due sentenze esemplari 

Conferenze stampa con limitazioni contrarie al protocollo Ussi – Lega Serie A, che garantiscono a tutti i giornalisti il libero accesso alle fonti  e il contradditorio con i tesserati: l’Unione Stampa Sportiva Italiana come da mission segnala quanto attiene al lavoro dei giornalisti e giornalisti per immagini ma anche le inosservanze ai regolamenti varati dalla Lega serie A da parte delle società. Le condizioni di lavoro alla vigilia della fase agonistica della nuova stagione di fatto già scattata chiedono attenzione e decisioni non unilaterali.

Addio a Marcello Lazzerini gentiluomo della Rai

E’ morto a 86 anni il giornalista e scrittore fiorentino Marcello Lazzerini. Come ricorda l’Ast in una nota in cui esprime cordoglio, Lazzerini era stato cronista de L’Unità fin dagli anni Sessanta e poi era passato alla Rai divenendo “un ottimo telecronista e radiocronista perfino di ‘Tutto il calcio minuto per minuto’, con Enrico Ameri e Sandro Ciotti. Otteneva ascolti e considerazione raccontando la Fiorentina”. Fu anche scrittore e vinse il Bancarella sport.