///
Diritti tv: Mondiali di calcio del Qatar a Rai e Amazon

Diritti tv: Mondiali di calcio del Qatar a Rai e Amazon

di Red
I Mondiali di calcio – dopo la parentesi di “Russia 2018” sugli schermi Mediaset – tornano in casa Rai. Il servizio pubblico, infatti, si è assicurato i diritti tv del torneo che si disputerà in Qatar. In particolare, su 64 partite, Viale Mazzini avrebbe comprato (manca ancora l’ufficialità della Fifa) la prima scelta su 28 partite (+ semifinali e finali non in esclusiva); le restanti 32 partite (+ semifinali e finali non in esclusiva) sono andate ad Amazon. Il settimo piano avrebbe siglato un assegno da circa 130 milioni di euro. I restanti 50 li avrebbe garantiti Jeff Bezos. Sky si è ritirata dall’asta, Mediaset non avrebbe offerto abbastanza…
Davvero un grosso investimento da parte del servizio pubblico che nel bilancio sta alimentando non poco la voce diritti tv. Basti pensare che nel budget 2021 (anno con Europei di calcio e Olimpiadi estive di Tokyo) questa voce vale esattamente 137 milioni di euro. Ma d’altronde stiamo parlando di eventi di particolare rilevanza per la società che la Rai – destinataria del canone – ha il dovere di comprare per garantirne la visione in chiaro ad almeno l’80 per cento della popolazione. Il questo caso, però, l’ultimo assegno staccato dal’’ad Fabrizio Salini dovrà coprirlo il prossimo amministratore delegato. Una piccola “dote” per il nuovo inquilino del settimo piano. È la Nazionale bellezza!
La 22esima edizione dei Mondiali di calcio si giocherà in Qatar e sarà un’edizione particolare: per la prima volta il torneo si svolgerà in Medio Oriente tra il 21 novembre e il 18 dicembre 2022. Ci saranno 32 squadre partecipanti e 64 partite, con una fase a gironi (otto in totale) e fasi ad eliminazione diretta. Il tutto in stadi che si promettono ultramoderni. Se gli Azzurri non dovessero qualificarsi si aprirebbe un nuovo scenario rispetto a quello fin qui raccontato. La Fifa dovrebbe aprire un nuovo bando per l’Italia, e in quel caso anche Mediaset – che si è contraddistinta in questi anni per un approccio “opportunistico” – non mancherà di partecipare sul modello “Russia 2018”.
FONTE: adginforma.it

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.