///
Filatelia: "L'Italia non c'è e vive di ricordi. Era il 1982"

Filatelia: "L'Italia non c'è e vive di ricordi. Era il 1982"

Spigolature Filateliche a cura dell’Usfi – Unione Stampa Filatelica Italiana- di Alessandro Di Tucci

Rossi, Tardelli, Altobelli. Tre nomi che riecheggiano ancora nelle orecchie degli italiani da quella serata rovente di Madrid quando al Santiago Bernabeu un urlo squarciò definitivamente la difesa della nazionale tedesca. Dopo non rimase che festeggiare con il capitano Dino Zoff a sollevare la coppa FIFA, sotto lo sguardo attento e felice del Presidente della Repubblica Sandro Pertini. Il 12 settembre l’onda d’urto della vittoria si propagò ulteriormente grazie all’emissione di un francobollo dal facciale di 1000 Lire in cui appaiono distintamente le braccia del numero 1 azzurro che stringono il trofeoIl valore realizzato in 4.000.000 di esemplari si deve al pittore e politico italiano Renato Guttuso. 

 La caduta degli dei nel 2018

La prematura eliminazione dai mondiali di calcio della Germania, campione in carica e della Spagna, squadra favorita, ci richiama alla mente due emissioni filateliche dei rispettivi Paesi che celebrarono le loro vittorie mondiali rispettivamente nel 2014 e nel 2010.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

IL RICORDO DI EDOARDO MANGIAROTTI A 10 ANNI DALLA MORTE

Dieci anni fa, il 25 maggio 2012, si spegneva Edoardo Mangiarotti, lo sportivo italiano più decorato di tutti i tempi: 13 medaglie olimpiche (6 ori, 5 argenti, 2 bronzi) e 26 iridate (13 ori, 8 argenti e 5 bronzi). Oggi, passato un decennio, il mondo dello sport onora ancora il suo ricordo