///
Gravina al Comitato Regionale Piemonte Valle d’Aosta: “La FIGC è al fianco dei Dilettanti, il calcio dà speranza al Paese”

Gravina al Comitato Regionale Piemonte Valle d’Aosta: “La FIGC è al fianco dei Dilettanti, il calcio dà speranza al Paese”

Il tour di incontri del presidente della FIGC Gabriele Gravina coi Comitati Regionali della Lega Nazionale Dilettanti e coi Coordinatori del Settore Giovanile e Scolastico è proseguito oggi con il Piemonte Valle d’Aosta. Nella riunione organizzata dal numero uno del calcio regionale Christian Mossino, il presidente federale ha ribadito quanto sia fondamentale il contributo di tutti, soprattutto dei protagonisti del calcio di base, per ricevere indicazioni sulla progettualità necessaria per la ripresa dalla crisi pandemica e per l’avvio di una stagione di riforme per il movimento calcistico nel suo complesso.
“Dobbiamo valorizzare la multidimensionalità del calcio, non solo quella economica – ha affermato Gravina ai componenti del Consiglio Direttivo del Comitato riuniti all’Hotel Principi di Piemonte, insieme ai delegati provinciali e agli altri rappresentanti del calcio regionale – per questo la vostra collaborazione, di chi fa del sociale e del volontariato una ragion di essere, risulta fondamentale. Con la pratica dilettantistica e giovanile ci si occupa della civitas e si parla al cuore delle nostre comunità, il mio proposito è valorizzare questa attività”.
Durante l’incontro si è parlato delle difficoltà economiche del momento, della ripresa di tutte le competizioni, dell’ammodernamento degli impianti, delle criticità emerse dall’approvazione dei decreti di riforma del sistema sportivo e di facilitare il tesseramento soprattutto nel settore giovanile e nel calcio femminile. Il presidente Gravina ha illustrato la sua proposta di interventi a sostegno dei territori: “La FIGC è al vostro fianco con i fatti, con le risorse messe a disposizione della LND e con la volontà di cambiare alcune norme che stanno bloccando la distribuzione di alcune risorse della mutualità di sistema. Non c’è sviluppo del calcio italiano se non si cresce insieme: il vertice con la base e viceversa, nessuno verrà lasciato indietro, perché il calcio dà speranza al Paese”.
Al termine, il presidente Gravina ha incontrato anche l’Assessore allo Sport della Regione Piemonte Fabrizio Ricca. E domani, dopo le visite in Sardegna, Toscana, Emilia Romagna, Abruzzo, Campania e Piemonte Valle d’Aosta, il numero uno della FIGC incontrerà a Milano il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Lombardia.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.