///
Intercettazioni, Fnsi e Odg: «Senza modifiche il testo introdurrà un ulteriore bavaglio alla stampa»

Intercettazioni, Fnsi e Odg: «Senza modifiche il testo introdurrà un ulteriore bavaglio alla stampa»

nella foto il ministro Orlando da: fnsi.it

Nella legge delega c’era un esplicito riferimento al diritto-dovere dei giornalisti di informare e quindi accedere agli atti, una citazione che poi è saltata e che la commissione Giustizia del Senato ha chiesto di reintrodurre. «L’auspicio è che il governo voglia rimediare», rilevano Ordine e sindacato

«Il decreto sulle intercettazioni, se approvato dal governo senza modifiche, introdurrà un ulteriore bavaglio alla stampa». Lo affermano, in una nota congiunta, la Federazione nazionale della stampa italiana e l’Ordine nazionale dei giornalisti all’indomani del parere favorevole, con osservazioni e condizioni, espresso dalla commissione Giustizia del Senato.
«Come rilevato dal relatore del provvedimento, senatore Felice Casson – rilevano Fnsi e Odg – “nella legge delega c’era un esplicito riferimento al diritto-dovere della stampa di informare e quindi accedere agli atti, una citazione che poi è completamente saltata, la commissione ora chiede di reintrodurre il passaggio”. Si tratta di un allarme che va preso in seria considerazione e che conferma i rilievi espressi dalla FNSI e dall’Ordine dei Giornalisti sul testo inviato alle commissioni per i pareri».
L’auspicio dei rappresentanti dei giornalisti è che «il governo voglia rimediare, anche per non aggravare una situazione pesantemente compromessa dalla mancata abrogazione del carcere e dalla rinuncia ad affrontare e risolvere il problema delle querele temerarie», concludono Ordine e sindacato.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Il racconto dello sport: i premi USSI, a Rimedio e Repice il Martellini 2024

La Sala Stampa dello Stadio Olimpico ricca di emozioni ha accompagnato la consegna del premio USSI “Lo sport e chi lo racconta”, giunto quest’anno alla sua quinta edizione. In sala anche Loredana Macchietti, regista e moglie del giornalista Gianni Minà, cui era dedicata l’edizione 2023 del concorso, i campioni di ciclismo su pista Antonio Castello e Mario Valentini e i tre primi classificati del premio USSI mentre nel ricordo di un grande maestro il Premio Nando Martellini 2024 è andato ad Alberto Rimedio e Francesco Repice voci della Nazionale e non solo per Rai Sport e Radio Rai.

Al quarto tempo di LND coi vertici del calcio anche Ussi per l’innovazione del calcio dilettantistico

Oltre 9.500 presenze, 26 convegni/panel, 110 delegati di tutti i Comitati LND d’Italia che hanno partecipato all’Agorà, 2800 studenti, giovani calciatori e calciatrici delle società dilettantistiche. Si è chiusa con questi numeri la tre giorni a Lanciano di ‘Quarto
Tempo – L’innovazione del calcio dilettantistico’. L’evento organizzato dalla Lega presieduta da Giancarlo Abete. Alla manifestazione hanno partecipato il Ministro per lo Sport, Andrea Abodi, e tutti i vertici delle componenti della Figc e della Lega Dilettanti. L’Unione Stampa Sportiva Italiana con la collaborazione del Consigliere Nazionale Walter Nerone e del Gruppo USSI Abruzzo presieduto da Giancarlo Febo è stata partner della tre gironi moderando i panel di approfondimento oltre a organizzare un corso di formazione per giornalisti con crediti dell’Ordine.