///
Il pensiero di Renzo Ulivieri sul caso “Anna Frank”: “Non dobbiamo smettere di indignarci”

Il pensiero di Renzo Ulivieri sul caso “Anna Frank”: “Non dobbiamo smettere di indignarci”

Pubblichiamo la riflessione del vicepresidente Figc e presidente dell’Associazione italiana allenatori sui recenti avvenimenti che hanno visto “protagonisti” dei “tifosi” laziali.

da: www.assoallenatori.it
“Vorrei farmi bastare il sorriso misterioso di un adolescente, la sue parole di speranza anche sull’orlo dell’orrore nazista, per sentirmi rassicurato davanti all’abisso di ignoranza fascistoide, che ha partorito l’ultimo episodio di antisemitismo andato in scena in uno stadio. Vorrei continuare a pensare che Anna Frank, o meglio quello che resta di lei come simbolo universale, avrà sempre la meglio su certe miserie. Credo, però, che sbaglierei e con me molti del mondo del calcio, se smettessimo tutti di indignarci davanti a questa infinita deriva moralmente violenta che continua a trovare spazio dentro e intorno a certe curve.
Indignarci e controbattere. leggere in campo una pagina del Diario è una buona iniziativa immediata perché la cultura è nemica di tutti i fascismi, ma il lavoro deve essere lungo e profondo, un lavoro politico, educativo. E deve impegnare tutti noi allenatori, calciatori, dirigenti. Perché non possono più essere consentite operazioni furbe come quella organizzata dalla Lazio di Lotito: se un settore viene chiuso per un provvedimento dovuto a comportamenti razzisti, non si può far finta che siano state squalificate le tribune e non chi li occupa, aprendo surrettiziamente la curva opposta, perché non è questo il modo di contrastare tutti quelli che negano la speranza nel sorriso di Anna Frank”.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.