///
Perchè l’Uefa può impedire il silenzio stampa e Federcalcio e Lega no?

Perchè l’Uefa può impedire il silenzio stampa e Federcalcio e Lega no?

verna  di Carlo Verna (fonte: www.articolo21.org) 

Metto insieme dei fatti accaduti a distanza di ore l’uno dall’altro. Carlo Tavecchio riconfermato presidente della Federcalcio ,un giornalista della Gazzetta dello Sport nei fatti minacciato col danneggiamento della sua auto, il Napoli, in silenzio stampa in campionato, obbligato dalle regole Uefa a fare le conferenze pre e post partita col Real Madrid, e cosi’ a bocche scucite dall’Europa, al di la’ del precedente ordine della società l’allenatore ha potuto parlare anche prima del match di campionato col Crotone, e ancora il presidente del Napoli, colui che aveva ordinato il tutti zitti ai suoi dipendenti lancia invettive contro i giornali del nord.
All’inizio del nuovo mandato di Tavecchio c’e’ dunque un’ enorme questione che riguarda i rapporti delle societa’ di calcio italiane coi giornalisti e con le liberta’ e i doveri che gli operatori dell’informazione portano con se’ in base all’articolo 21 della Costituzione. Mi piacerebbe che i vertici della categoria rivolgessero alcune domande al presidente federale, ritengo questa una forma di solidarietà attiva verso Mimmo Malfitano il collega della rosea nel mirino dei teppisti.La prima riguarda la responsabilta’ dei tesserati, sanzionati quando sparlano degli arbitri. E’ possibile che lo siano anche quando con dichiarazioni avventate espongono persone che fanno il loro lavoro ,esercitando un diritto costituzionalmente garantito,al rischio di azioni criminose da parte delle frange peggiori delle tifoserie?
E’ praticabile un monitoraggio congiunto della procura federale e degli organismi della categoria in maniera tale che,salvo il diritto di critica anche dei presidenti , ci sia un deterrente contro atteggiamenti che mettono in pericolo anche l’incolumita’ fisica dei giornalisti oltre il diritto dei cittadini di essere correttamente ( e quindi con chi scrive che sia libero e non minacciato) informati? E’ possibile capire perche’ l’Uefa possa impedire il silenzio stampa e Federcalcio e Lega non ci riescano? Un’interlocuzione sarebbe veramente utile al calcio italiano e alla democrazia anche nello sport.
fonte: www.articolo21.org

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.