///
SCOLASTICHE, MOLEA (AiCS): “LA PAURA DEI PRESIDI BLOCCA LO SPORT, IL PROBLEMA VA RISOLTO INSIEME PER IL BENE DEI RAGAZZI”

SCOLASTICHE, MOLEA (AiCS): “LA PAURA DEI PRESIDI BLOCCA LO SPORT, IL PROBLEMA VA RISOLTO INSIEME PER IL BENE DEI RAGAZZI”

Roma, 2 ottobre 2020 – “La mancata concessione delle palestre scolastiche ad associazioni e società sportive sta bloccando irrimediabilmente la ripresa delle attività sportive: le paure dei presidi sulle igienizzazioni non siano di ostacolo”. Così Bruno Molea, presidente
dell’Associazione italiana cultura sport – tra i primi enti di
promozione sportiva del Paese – commenta il mancato avvio delle attività sportive nelle palestre scolastiche.
“Visto anche quanto annunciato dal ministro Spadafora proprio ieri sera
sui nuovi contributi in arrivo per le igienizzazioni, fa ben sperare sulla possibilità che il problema della pulizia possa essere affrontato congiuntamente, sport e scuola – commenta il presidente Molea -, ma quanto
sta avvenendo è davvero preoccupante e ha radici più profonde.La promozione dello sport di base è educazione sociale, culturale, civica: è
assurdo pensare che bastino le paure legate alle igienizzazioni a bloccare sindaci e dirigenti scolastici nella concessione delle palestre. Solo poche
di esse sono in realtà occupate da classi e lezioni: la stragrande
maggioranza resta chiusa in attesa di tempi migliori, ma la ripresa va
affrontata con responsabilità e sicurezza. Il nodo pulizia non può davvero
ancora essere l’elemento che blocca la partenza dello sport di base: ne va
delle sorti di un intero sistema economico e sociale ma soprattutto
dell’educazione dei giovanissimi che, in quelle palestre, grazie alle
migliaia di associazioni e società sportive dilettantistiche, passano i loro pomeriggi imparando i valori dell’inclusione sociale e delle regoledi convivenza proprio attraverso lo sport. Ora servono coraggio, fiducia,
responsabilità”.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.

Fondazione Allianz UMANA MENTE e Hol4All, una vacanza per tutti sulla neve di La Thuile

La Fondazione Allianz UMANA MENTE, principale espressione delle iniziative di responsabilità sociale del Gruppo Allianz in Italia, ha organizzato dal 20 al 24 marzo a La Thuile in Valle d’Aosta la nuova sessione di Hol4All, forma sintetica di “Holiday for All – una vacanza per tutti”, un progetto di integrazione e partecipazione sociale ideato per offrire una vacanza a bambini e ragazzi con una disabilità complessa o malattie rare, insieme alle loro famiglie.

Hol4All è un progetto avviato per la prima volta nel 2021 e nato dall’incontro tra famiglie con figli con disabilità e gli oltre 20 anni di esperienza della Fondazione Allianz UMANA MENTE. Hol4All risponde agli obiettivi 3 (Salute e benessere) e 10 (Ridurre le disuguaglianze) definiti dalle Nazioni Unite per uno sviluppo sostenibile (SDGs).

LO SPORT PER UNA SOCIETA’ PACIFICA E INCLUSIVA

Lo sport come ‘sviluppatore’ di pace e di inclusione, con il suo linguaggio universale, che non conosce confine, anzi li abbatte con i valori che ispirano, ogni giorno, chi si dedica alla pratica sportiva e la considera l’occasione, sempre, per unire, persone e popoli, nazioni e culture, puntando sulle differenze che aiutano e arricchiscono.

Concetti al centro della conferenza internazionale organizzata, nel Salone d’onore del Coni, da Creg dell’Università di Tor Vergata e da Promet impresa sociale, in occasione della ‘Giornata internazionale dello sport per lo sviluppo  e la pace’. Concetti sottolineati anche dal ministro per lo sport, Andrea Abodi nel suo messaggio di saluto, evidenziando come queste siano le linee guida di progetti che mettono al centro bambini e bambine, ragazzi e ragazze e tutti coloro che, attraverso una disciplina sportiva, ogni giorno portano in campo la passione e il rispetto.