///
Stop alla violenza sulle donne: la Partita della Parità e del Rispetto torna in campo a Bologna

Stop alla violenza sulle donne: la Partita della Parità e del Rispetto torna in campo a Bologna

Una giornata di attività contro le discriminazioni di genere e contro la violenza sulle donne: appuntamento il 14 novembre a Bologna, con la Partita della Parità e del Rispetto promossa da Amnesty International Italia, Assist, Aic- Associazione italiana calciatori, Sport4Society, Uisp e Usigrai. Lo slogan scelto per l’iniziativa, “Stop alla violenza sulle donne”, è dedicato con particolare attenzione alle aree coinvolte da guerre, in Palestina e Ucraina, e ai regimi totalitari che negano i diritti delle donne.

Nella mattinata di martedì 14 novembre, a partire dalle ore 10.30, presso l’impianto del Circolo Sportivo Il Fossolo, in via Felsina 52, scenderanno in campo due squadre, una formata dai giornalisti del Circolo Sportivo Rai, l’altra composta da attivisti e attiviste per i diritti, nonchè personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo, rappresentanti delle associazioni per i diritti delle donne. Giocheranno, tra gli altri, Patrick Zaki, attivista dei diritti umanu; le attrici Anna Favella e Daphne ScocciaPamela Malvina Noutcho, campionessa mondiale boxe; Alice Pignagnoli, calciatrice; Roberta Li Calzi, ex calciatrice e assessora allo sport e bilancio del Comune di Bologna. Il Comune, insieme alla Regione Emilia Romagna, patrocina l’iniziativa, con la collaborazione del Quartiere Savena.

La giornata è inserita nel progetto regionale “Differenze in gioco. Corpo e movimento nello sport per tutt3” del Comitato Regionale Uisp Emilia Romagna, cofinanziato dalla Regione nell’ambito della Legge 6/2014. 

Parteciperanno inoltre: Claudia Bruno, Usigrai; Umberto Calcagno, presidente Aic; Vittorio Di Trapani, presidente Fnsi; Tina Marinari, Amnesty International Italia; Tiziano Pesce, presidente Uisp; Luisa Rizzitelli, presidente Assist. Ci saranno anche gli studenti e le studentesse della Scuola superiore ITC Manfredi-Tanari, che hanno preparato degli striscioni per dire tutti insieme “no alla violenza di genere”. Proprio a loro, al termine della partita, verranno donati libri sulla parità di genere e la Carta dei diritti delle donne nello sport: un impegno per sensibilizzare l’opinione pubblica, a cominciare dalle giovani generazioni, sull’importanza della parità e del rispetto.

Dalle 14 alle 17, presso il Centro polifunzionale “Populonia” (via Populonia, 2), si terrà il corso “Donne Media e Sport – il linguaggio giusto per una diversa informazione” che darà diritto a 3 crediti formativi per i giornalisti. Il corso è organizzato da Amnesty International, Assist, Aic, Sport4Society, Uisp e Usigrai, con il patrocinio di Ussi-Unione Stampa Sportiva Italiana e in collaborazione con OdG Emilia Romagna, Giulia Giornaliste e Fnsi.

L’obiettivo è quello di promuovere un buon giornalismo scevro da stereotipi e pregiudizi, dare alle discipline femminili pari visibilità, declinare i ruoli, le funzioni e le cariche al femminile ed evidenziare le discriminazioni e le discrepanze in termini di benefit, premi e tutele. Per questo saranno presentate alcune buone pratiche ed esperienze, per comprendere se siano stati fatti passi avanti in questa direzione e cosa ci si aspetta dal futuro.

Ecco il programma del corso, che si aprirà con i saluti introduttivi di Marzia Benassi, presidente Quartiere Savena-Comune di Bologna; Serena Bersani, consigliera Odg Emilia Romagna; Silvia Garambois, presidente Giulia Giornaliste; Mara Pedrabissi, presidente CPO-FNSI.

Seguiranno gli interventi: Monia Azzalini, ricercatrice Osservatorio di Pavia-referente 100 Esperte; Claudia Bruno, Usigrai; Mimma Caligaris, Ussi; Deborah Casale, Casa delle donne di Bologna; Manuela Claysset, responsabile Politiche di genere e diritti Uisp; Chiara Marchitelli, Aic-Associazione Italiana Calciatori; Luca Musumeci, Sport4Society; Francesca Vitali, Assist-Ass. nazionale atlete. Moderatrice: Tina Marinari, Amnesty International Italia.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.

Fondazione Allianz UMANA MENTE e Hol4All, una vacanza per tutti sulla neve di La Thuile

La Fondazione Allianz UMANA MENTE, principale espressione delle iniziative di responsabilità sociale del Gruppo Allianz in Italia, ha organizzato dal 20 al 24 marzo a La Thuile in Valle d’Aosta la nuova sessione di Hol4All, forma sintetica di “Holiday for All – una vacanza per tutti”, un progetto di integrazione e partecipazione sociale ideato per offrire una vacanza a bambini e ragazzi con una disabilità complessa o malattie rare, insieme alle loro famiglie.

Hol4All è un progetto avviato per la prima volta nel 2021 e nato dall’incontro tra famiglie con figli con disabilità e gli oltre 20 anni di esperienza della Fondazione Allianz UMANA MENTE. Hol4All risponde agli obiettivi 3 (Salute e benessere) e 10 (Ridurre le disuguaglianze) definiti dalle Nazioni Unite per uno sviluppo sostenibile (SDGs).

LO SPORT PER UNA SOCIETA’ PACIFICA E INCLUSIVA

Lo sport come ‘sviluppatore’ di pace e di inclusione, con il suo linguaggio universale, che non conosce confine, anzi li abbatte con i valori che ispirano, ogni giorno, chi si dedica alla pratica sportiva e la considera l’occasione, sempre, per unire, persone e popoli, nazioni e culture, puntando sulle differenze che aiutano e arricchiscono.

Concetti al centro della conferenza internazionale organizzata, nel Salone d’onore del Coni, da Creg dell’Università di Tor Vergata e da Promet impresa sociale, in occasione della ‘Giornata internazionale dello sport per lo sviluppo  e la pace’. Concetti sottolineati anche dal ministro per lo sport, Andrea Abodi nel suo messaggio di saluto, evidenziando come queste siano le linee guida di progetti che mettono al centro bambini e bambine, ragazzi e ragazze e tutti coloro che, attraverso una disciplina sportiva, ogni giorno portano in campo la passione e il rispetto.