///
‘Stop violenza: le parole per dirlo’, il 17 novembre a Montecitorio presentazione del progetto di Giulia Giornaliste

‘Stop violenza: le parole per dirlo’, il 17 novembre a Montecitorio presentazione del progetto di Giulia Giornaliste

Appuntamento dalle 10 alle 13 in Sala del Mappamondo per il corso di formazione che dà il via all’iniziativa. Ai partecipanti 5 crediti deontologici validi per la formazione professionale continua.

“Stop violenza: le parole per dirlo”: un manuale, corsi di formazione, prossimamente un sito e una app. Viene presentato venerdì 17 a Montecitorio (Sala del Mappamondo, ore 10-13) il progetto dell’Associazione GiULiA giornaliste, che ha avuto il patrocinio della Fnsi, dell’Usigrai e dell’Inpgi, per promuovere un linguaggio appropriato nei media nei casi di violenza contro le donne, perché le parole non feriscano una seconda volta.
L’analisi dei media (a cura della professoressa Graziella Priulla), i risultati dell’Osservatorio sulla Rai sulla rappresentazione femminile (ne parleranno i professori Enrico Menduni e Elisa Giomi, che hanno curato la ricerca per Isimm), ma anche l’uso dell’immagine nel racconto della violenza, il rischio della “doppia vittimizzazione”, le leggi e le norme deontologiche (a cura di Marina Cosi, Luisa Betti e Silvia Garambois, giornaliste di GiULiA), saranno i temi analizzati nella mattinata.
Hanno confermato la partecipazione all’incontro i vertici della categoria dei giornalisti, insieme a rappresentanti dell’associazionismo femminile e femminista e delle istituzioni.
«Il progetto di GiULiA, rete che unisce oltre mille giornaliste in tutta Italia e associazione con rappresentanze territoriali in molte regioni, nasce dalla convinzione che l’informazione può e deve avere un ruolo importante per contrastare la violenza contro le donne: che l’informazione corretta, completa, esaustiva, sia tra le azioni necessarie per porre un freno a questi delitti che rappresentano una sconfitta sociale e culturale per tutti noi, cittadine e cittadini», spiegano le promotrici.
Con questo lavoro, concludono, «GiULiA vuole rivendicare fortemente il ruolo e il valore dell’informazione, strumento di cultura che aiuta a sviluppare il senso critico della società e la democrazia dei Paesi, che oggi più che mai passa anche dal rispetto delle donne e della loro dignità».
@fnsisocial

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Il racconto dello sport: i premi USSI, a Rimedio e Repice il Martellini 2024

La Sala Stampa dello Stadio Olimpico ricca di emozioni ha accompagnato la consegna del premio USSI “Lo sport e chi lo racconta”, giunto quest’anno alla sua quinta edizione. In sala anche Loredana Macchietti, regista e moglie del giornalista Gianni Minà, cui era dedicata l’edizione 2023 del concorso, i campioni di ciclismo su pista Antonio Castello e Mario Valentini e i tre primi classificati del premio USSI mentre nel ricordo di un grande maestro il Premio Nando Martellini 2024 è andato ad Alberto Rimedio e Francesco Repice voci della Nazionale e non solo per Rai Sport e Radio Rai.

Al quarto tempo di LND coi vertici del calcio anche Ussi per l’innovazione del calcio dilettantistico

Oltre 9.500 presenze, 26 convegni/panel, 110 delegati di tutti i Comitati LND d’Italia che hanno partecipato all’Agorà, 2800 studenti, giovani calciatori e calciatrici delle società dilettantistiche. Si è chiusa con questi numeri la tre giorni a Lanciano di ‘Quarto
Tempo – L’innovazione del calcio dilettantistico’. L’evento organizzato dalla Lega presieduta da Giancarlo Abete. Alla manifestazione hanno partecipato il Ministro per lo Sport, Andrea Abodi, e tutti i vertici delle componenti della Figc e della Lega Dilettanti. L’Unione Stampa Sportiva Italiana con la collaborazione del Consigliere Nazionale Walter Nerone e del Gruppo USSI Abruzzo presieduto da Giancarlo Febo è stata partner della tre gironi moderando i panel di approfondimento oltre a organizzare un corso di formazione per giornalisti con crediti dell’Ordine.