///
Taglio di 150 milioni alla Rai, Usigrai: «Il Consiglio di Stato ci dà ragione e bacchetta il Mise»

Taglio di 150 milioni alla Rai, Usigrai: «Il Consiglio di Stato ci dà ragione e bacchetta il Mise»

da: fnsi.it

Per i giudici amministrativi è necessario un approfondimento sui profili di illegittimità e di incostituzionalità della decurtazione decisa nel 2014 dall’allora governo Renzi. «Riprova della serietà e gravità dei motivi di ricorso», commentano i rappresentanti dei giornalisti, che attaccano il ministero: «Se non avesse violato i propri compiti istituzionali, le argomentazioni della Rai sarebbero già state esaminate».
Taglio di 150 milioni alla Rai, Usigrai: «Il Consiglio di Stato ci dà ragione e bacchetta il Mise»

«Il Consiglio di Stato ha ritenuto necessario un approfondimento sui profili di illegittimità e di incostituzionalità del taglio di 150 milioni ai danni della Rai decisi dal governo Renzi, a riprova della serietà e gravità dei motivi di ricorso. Si tratta di una prima importante vittoria ottenuta dall’Usigrai sulle risorse da destinare alla Rai Servizio Pubblico». È quanto si legge in una nota dell’esecutivo Usigrai.
Quello che emerge dalle tre sentenze del Consiglio di Stato, spiegano i rappresentanti dei giornalisti del sevizio pubblico, «è inoltre una totale inadempienza del ministero dello Sviluppo Economico, che non ha svolto un’adeguata istruttoria sui motivi dei ricorsi straordinari al presidente della Repubblica».
Il Consiglio di Stato, prosegue l’Usigrai, «ha quindi intimato al ministero di assolvere ai propri obblighi, relazionando adeguatamente su tutti i motivi dei ricorsi e trasferendo alla Rai la relativa relazione istruttoria, affinché sia possibile il definitivo pronunciamento nel merito con un giusto contraddittorio sulle questioni prospettate al giudice. Se il Mise non avesse violato i propri compiti istituzionali, le argomentazioni della Rai sarebbero già state esaminate e decise alla suprema magistratura amministrativa».
Al contrario, incalzano i rappresentanti sindacali, «il comportamento negligente del Mise ha causato una enorme dilatazione dei tempi e rischia di provocare ulteriori danni per la Rai, a causa delle minori somme versate al servizio pubblico per effetto delle norme e dei provvedimenti sui quali il ministero ha ritenuto di non pronunciarsi, violando i propri obblighi e ricevendo una censura dal Consiglio di Stato. Vigileremo sul Mise affinché svolga le proprie funzioni ed ottemperi all’ordine impartito dal giudice amministrativo, anche notificando un atto di diffida laddove si protraesse l’illegittimo inadempimento del ministero: dopo 5 anni, non accetteremo ulteriori ritardi. I responsabili dovranno pagare per i danni subiti dalla Rai».

@fnsisocial

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.