///
Un francobollo per i 120 anni di storia della Lazio. A cura di Fabio Vaccarezza

Un francobollo per i 120 anni di storia della Lazio. A cura di Fabio Vaccarezza

Poste Italiane comunica che oggi 9 gennaio 2020 viene emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “lo Sport” dedicato alla S.S. Lazio S.p.A., nel 120° anniversario della fondazione, relativo al valore della tariffa B pari a 1,10€.
Tiratura: cinquecentomila esemplari.
Foglio da quarantacinque esemplari
Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente. 
Bozzetto a cura  di Gaetano Ielluzzo.
La vignetta,  riproduce, in alto, il logo della Società Sportiva Lazio e un pallone di calcio che lascia una scia nella sua corsa; al centro campeggia il numero 120, a indicare gli anni trascorsi dalla fondazione della Società.
Completano il francobollo la leggenda “120° ANNIVERSARIO S.S. LAZIO S.p.A.”, la scritta “ITALIA” e l’indicazione tariffaria “B”.
L’annullo primo giorno di emissione sarà disponibile presso lo sportello filatelico dell’ufficio Postale di Roma Prati.
Il francobollo ed i prodotti filatelici correlati, cartoline, tessere e bollettini illustrativi, possono essere acquistati presso gli Uffici Postali con sportello filatelico, gli “Spazio Filatelia” di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma 1, Torino, Trieste, Venezia, Verona e sul sito poste.it.
Per l’occasione è stato realizzato anche un folder in formato A4 a tre ante orizzontali, contenente una quartina di francobolli, una cartolina annullata ed affrancata, una tessera e  una busta primo giorno di emissione, al costo di 15€.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Bizzotto: i telecronisti di ogni età prendano esempio da maestri come Martellini”

“Quando affrontai la prima telecronaca della nazionale il mio pensiero andò a lui, a quel galantuomo del Microfono che da bambino avevo sentito scandire campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo con quello stile inimitabile. Ricevere come altri grandi colleghi che magari anche più e meglio di me ne hanno ripercorso le tracce mi emoziona”: parole di Stefano Bizzotto peraltro voce – con Katia Serra al commento tecnico – del racconto della finale vinta agli Europei di Londra dalla nazionale di Mancini con l’indimenticato Vialli team manager.