///
USSI E ROSSOPOMODORO INSIEME PER IL 10° TROFEO "ALBERTO D'AGUANNO"

USSI E ROSSOPOMODORO INSIEME PER IL 10° TROFEO "ALBERTO D'AGUANNO"

La tradizione della cucina partenopea insieme con la tradizione del giornalismo italiano.
Per il decimo anno consecutivo Rossopomodoro affiancherà l’USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana) nella X edizione del Trofeo Alberto D’Aguanno, il torneo di calcio dedicato al nostro collega prematuramente scomparso. Le finali si svolgeranno a Roma, presso il Centro di Preparazione Olimpica dell’Acqua Acetosa i prossimi 19 e 20 novembre.
L’importante contributo di Rossopomodoro si concretizzerà la sera di lunedì 19 novembre nel suo storico locale romano in Largo di Torre Argentina, da poco rinnovato secondo la nuova immagine e posizionamento del brand napoletano che segue il concept “come un giorno a Napoli”. In questa nuova ed elegante location di Rossopomodoro, come da tradizione, verrà effettuato il sorteggio delle partite. Abruzzo-Molise, Lombardia e Umbria, finaliste del X Trofeo D’Aguanno, potranno gustare le specialità enogastronomiche tipiche di Napoli e Campania, nella serata che precede il triangolare che decreterà la squadra vincitrice.
“Un accordo che ci fa enorme piacere – spiega Luigi Ferrajolo, presidente dell’Unione Stampa Sportiva Italiana – Ringraziamo Rossopomodoro che, con grande sensibilità, ha sostenuto per dieci anni questa iniziativa nata per ricordare un caro collega che amava questa nostra professione e il calcio”.
“Siamo onorati di rinnovare la collaborazione con l’Unione Stampa Sportiva Italiana – conferma Roberto Colombo Amministratore Delegato di Sebeto Spa – ospitando questo evento nel nostro storico locale del centro di Roma che abbiamo il piacere di presentare dopo il suo recente restyling, dettato dal nuovo posizionamento del brand Rossopomodoro, che promette di offrire a tutti un’esperienza napoletana ancora più autentica ed emozionante, proprio “come un giorno a Napoli”.
 

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.