///
WRESTLING: RICONOSCIUTO COME SPORT ANCHE IN ITALIA

WRESTLING: RICONOSCIUTO COME SPORT ANCHE IN ITALIA

Il Wrestling dopo anni di battaglie e dialogo con le istituzioni è stato riconosciuto come sport” anche in Italia. A darne l’annuncio è stata la WIVA Wrestling, federazione tricolore in onda su Fite Tv sui suoi canali social. “Una delle cause che abbiamo abbracciato – si legge in una nota – è quella di valorizzare il wrestling italiano. Nel corso del 2020 sono accadute tante cose che ci hanno portato a sederci accanto alle istituzioni per far capire cosa sia il wrestling e perché merita di essere valorizzato. Grazie alla collaborazione con XFC Extreme Fighter Champion, in particolar modo con il maestro Alessandro Cecchini, abbiamo portato la nostra voce all’ASI Nazionale, (Associazioni Sportive Italiane) ente riconosciuto dal CONI, e al suo referente, Francesco Caiazzo, che ha accolto la nostra richiesta: far riconoscere il wrestling come sport. E proprio oggi è arrivata l’ufficialità storica per tutto il nostro movimento”, “nasce il Wrestling Italiano ASI, un settore che va a colmare una situazione di stallo, dove il wrestling non aveva una vera e propria collocazione e riferimento a livello istituzionale. D’ora in poi si riconoscerà il wrestling come sport, con una struttura esistente e operativa che agisca nell’interesse e nella promozione dell’intero movimento. La gestione del Wrestling Italiano ASI è stata affidata inizialmente alla WIVA Wrestling, la quale ha affidato il coordinamento nazionale al signor Cristian Guadagno, persona superpartes ed equilibrata che sarà imparziale ed equo con tutte le associazioni e le società che si affilieranno. Concludiamo ringraziando nuovamente tutti coloro che hanno reso possibile questo enorme traguardo, comprese le istituzioni come il Dipartimento dello Sport e il Presidente della Regione Stefano Bonaccini per il continuo supporto dimostratoci. A breve, verrà comunicata la data della riunione, aperta a tutte le società, lottatori e tesserati che decideranno di farne parte”.
Fonte: 9Colonne

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.