///
20 medaglie, record Italia agli Europei di nuoto in vasca corta E adesso subito Assoluti Invernali a Riccione in vasca lunga

20 medaglie, record Italia agli Europei di nuoto in vasca corta E adesso subito Assoluti Invernali a Riccione in vasca lunga

di Chiara Aruffo
La città di Glasgow ha ospitato dal 4 all’8 dicembre gli Europei in Vasca Corta,
primo evento internazionale importante della stagione 2019-2020. L’Italia si è
presentata al completo portando ben 41 atleti, inclusi tutti i big del nuoto italiano,
risultando così la seconda squadra per presenze dietro alla Germania. Sul fronte
straniero molti assenti: Peaty, Sjostrom, Rylov ed Efimova per citarne solo alcuni.
Buone possibilità quindi per l’Italia e infatti alla fine è stato record di medaglie con
ben 20 conquistate dai nostri atleti, di cui 6 d’oro. Nel bilancio complessivo, l’Italia
è seconda nel medagliere dietro la Russia ma al primo posto nella classifica a
punti.
STILE LIBERO – La piscina di Glasgow deve portare fortuna a Simona Quadarella
che dopo i le 3 medaglie d’oro agli Europei in Vasca Lunga lo scorso anno, è di
nuovo sul gradino più alto negli 800 m, dove partiva da favorita, e nei 400 m.
Mezzofondo d’oro anche nel settore maschile con Gregorio Paltrinieri che dopo
due anni riesce a vincere di nuovo i 1500 m in una gara internazionale. Nei 400 m
terzo posto per Gabriele Detti, apparso affaticato dall’ultimo periodo di
allenamenti. Federica Pellegrini è sempre un osso duro da battere nei 200 m, ma
non vede arrivare la giovanissima (18 anni) britannica Freya Anderson che la
supera negli ultimi metri. Sulle distanzi più brevi dello stile libero, il settore
femminile si conferma in difficoltà in attesa del ritorno ad alti livelli della
rientrante Silvia Di Pietro, mentre Alessandro Miressi vince l’argento nei 100 m,
distanza in cui è campione europeo uscente in vasca lunga.
DORSO – Segnali incoraggianti da parte di Margherita Panziera dopo la delusione
dei Mondali di Gwangju: primo posto nei 200. Sfortunata invece ancora Silvia
Scalia che tocca quarta nella distanza più breve dei 50. Meno bene invece il
settore maschile dove il miglior risultato è il quarto posto di Simone Sabbioni nei
100.
RANA – Qui si parla italiano con 5 medaglie portate a casa dalle atlete azzurre.
Martina Carraro scatenatissima scende in vasca su tutte le distanze: prima nei 100,
seconda nei 50 e terza nei 200. E sono ben due le doppiette azzurre: nei 50 baby-
Pilato vince il suo primo titolo continentale, nei 100 Arianna Castiglioni finisce sul
secondo gradino del podio. Poco fortunata invece Francesca Fangio, medaglia di
legno nei 200. Rana maschile tenuta a galla dal solito Fabio Scozzoli: due le
medaglie di bronzo conquistate dal capitano azzurro nei 50 e nei 100 m.
DELFINO – Un pizzico di delusione per Elena Di Liddo, medaglia d’argento nei 100
ma con prospettive da primo gradino del podio per quanto fatto vedere nelle
batterie. Gara coraggiossima di Ilaria Bianchi che cede nei 200 m alla Lady di Ferro
ungherese Katinka Hosszu soltanto nell’ultima vasca e va a prendersi una meritata
medaglia d’argento. Europeo difficile al maschile invece per Codia e Rivolta i quali
ottengono il miglior risultato qualificandosi nella finale dei 100.
MISTI – Si rivede Ilaria Cusinato dopo il fallito esperimento di nuoto reality con
Shane Tusup (ex marito e allenatore di Katinka Hosszu) medaglia di bronzo nella
gara più dura i 400 misti. Ottima impressione anche della giovanissima Cocconcelli
che riesce a centrare la finale dei 100 misti e in generale si dimostra molto
combattiva in tutte le gare a cui è iscritta. Tra i maschi il migliore risultato lo
ottiene il giovane (19 anni) Thomas Ceccon che chiude quarto nei 100.
STAFFETTE – Medaglia d’argento per la 4×50 mista femminile che sale sul secondo
gradino del podio con Scalia-Pilato-Di Liddo-Di Pietro, beffate negli ultimi metri da
una sorprendente Polonia. È di bronzo invece la staffetta 4×50 stile maschile con
Bocchia-Orsi-Izzo-Miressi.
DALL’ESTERO – Sono state tante le assenze eccellenti tra i big stranieri e questo ha
lasciato spazio a nuovi protagonisti del nuoto europeo. L’olandese Arno Kamminga
si ritrova mattatore della rana, dove vince due medaglie d’oro (100 e 200) e una di
bronzo (50). Grande prova di resistenza dal parte del greco Andreas Vazaios che
pochi minuti dopo aver vinto il bronzo nei 100 misti torna in acqua e va a
prendersi l’oro nei 200 delfino. Molto bene anche le francesi Henique e
Gastaldello che si mettono bene in evidenza nelle prove di velocità e trascinano la
Francia alla conquista della medaglia d’oro nella staffetta 4×50 stile femminile. Tra
i nomi già conosciuti ci sono le conferme di Vladimir Morozov, re dello stile veloce
e anche dei 50 rana, insieme con l’ormai nota Katinka Hosszu che vince tutte le
gare dei misti e i 200 delfino.
L’appuntamento per il nuoto italiano è per questo fine settimana agli Assoluti
Invernali di Riccione (vasca lunga), primo evento qualificante per le Olimpiadi di
Tokyo 2020.
La spedizione italiana a Glasgow (foto dal sito Federnuoto)

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.

Fondazione Allianz UMANA MENTE e Hol4All, una vacanza per tutti sulla neve di La Thuile

La Fondazione Allianz UMANA MENTE, principale espressione delle iniziative di responsabilità sociale del Gruppo Allianz in Italia, ha organizzato dal 20 al 24 marzo a La Thuile in Valle d’Aosta la nuova sessione di Hol4All, forma sintetica di “Holiday for All – una vacanza per tutti”, un progetto di integrazione e partecipazione sociale ideato per offrire una vacanza a bambini e ragazzi con una disabilità complessa o malattie rare, insieme alle loro famiglie.

Hol4All è un progetto avviato per la prima volta nel 2021 e nato dall’incontro tra famiglie con figli con disabilità e gli oltre 20 anni di esperienza della Fondazione Allianz UMANA MENTE. Hol4All risponde agli obiettivi 3 (Salute e benessere) e 10 (Ridurre le disuguaglianze) definiti dalle Nazioni Unite per uno sviluppo sostenibile (SDGs).