///
Il 3 maggio per la libertà di informazione ovunque e comunque

Il 3 maggio per la libertà di informazione ovunque e comunque

da fnsi.it

Minacce, insulti, aggressioni ai cronisti, reporter uccisi anche in Europa, taglio di fondi pubblici ai media, hate speech e false notizie che riempiono web e social. Questo scenario, con cui facciamo i conti tutti i giorni, chiama alla mobilitazione per ribadire il diritto delle persone ad essere informate e il diritto-dovere dei giornalisti a informare.

Il 3 maggio per la libertà di informazione

Minacce di morte, insulti, aggressioni ai cronisti, taglio di fondi pubblici ai media che garantiscono la trasparenza delle istituzioni e che rappresentano voci libere, giornaliste e giornalisti uccisi nell’Europa che dovrebbe essere la culla dei diritti e della protezione dei più deboli; hate speech e false notizie che riempiono web e social e distorcono la consapevolezza dei cittadini. E, proprio nelle ultime, la notizia di una giovane collega, Lyra McKee, uccisa a colpi di arma da fuoco durante dei disordini a Londonderry, in Irlanda del Nord. Un assassinio che, purtroppo, dimostra ancora una volta quanto siano esposti cronisti e croniste che vogliono testimoniare la realtà che ci circonda. Questo è, in sintesi, lo scenario con cui facciamo i conti tutti i giorni, difendendo il diritto delle persone ad essere informate correttamente e il diritto-dovere dei giornalisti a informare.
Per tutti questi motivi, abbiamo dedicato quarantotto ore di mobilitazioni in tutta Italia. In particolare, tra i vari eventi in preparazione, il prossimo 2 maggio saremo a Trento con il Sindacato giornalisti del Trentino Alto Adige; e il 3 maggio, Giornata mondiale della libertà d’informazione, insieme a Usigrai, Articol21, NoBavaglio e tutte le realtà e le persone che vorranno aderire, saremo a Roma con un presidio dalle 12 sotto l’Ambasciata di Malta, per ricordare Daphne Caruana Galizia, Jan Kuciak, Victoria Marinova, che ancora non hanno avuto verità e giustizia, per la libertà di stampa in Turchia, per dire no a minacce e aggressioni, verbali e non, contro croniste e cronisti. Ricorderemo Massimo Bordin e chiederemo ancora una volta che Radio Radicale sia messa nelle condizioni di continuare a garantire la trasparenza di quanto accade nei palazzi delle istituzioni.
Saranno presenti Caroline Muscat, giornalista maltese amica e collega di Daphne Caruana, Jan Krempasky, cronista slovacco collega di Kuciak, Asmae Dachan, giornalista e scrittrice siriana, e Fazila Mat, ricercatrice turca dell’Osservatorio Balcani Caucaso. Ci sarà anche una iniziativa nelle scuole di Roma e del Lazio con la Rete NoBavaglio.
Nel pomeriggio, dalle 16, nella sede della Fnsi, in corso Vittorio Emanuele II, si terrà l’incontro sulla Carta di Assisi, manifesto per un linguaggio e una informazione corretti e responsabili. Interverranno, tra gli altri, Paola Spadari, presidente Odg Lazio; padre Enzo Fortunato, portavoce del Sacro Convento di San Francesco di Assisi; padre Mauro Gambetti, Custode del Sacro Convento di San Francesco di Assisi; padre Antonio Spadaro, direttore di Civiltà cattolica; Saleh Ramadan, Imam della Grande Moschea di Roma; Ruth Dureghello, presidente della Comunità Ebraica di Roma; Giuseppe Giulietti, presidente Fnsi; Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai; Paolo Borrometi, Elisa Marincola e Antonella Napoli di Articolo 21; Marino Bisso, di NoBavaglio; Riccardo Cristiano, Associazione Amici di Padre Dall’Oglio. Coordina Roberto Natale, direttore del Comitato scientifico di Articolo 21.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Bizzotto: i telecronisti di ogni età prendano esempio da maestri come Martellini”

“Quando affrontai la prima telecronaca della nazionale il mio pensiero andò a lui, a quel galantuomo del Microfono che da bambino avevo sentito scandire campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo con quello stile inimitabile. Ricevere come altri grandi colleghi che magari anche più e meglio di me ne hanno ripercorso le tracce mi emoziona”: parole di Stefano Bizzotto peraltro voce – con Katia Serra al commento tecnico – del racconto della finale vinta agli Europei di Londra dalla nazionale di Mancini con l’indimenticato Vialli team manager.