///
Gli atleti dicono “no” alla Super Lega del golf

Gli atleti dicono “no” alla Super Lega del golf

di Alberto Bortolotti
Nel calcio sono stati fondamentalmente i governi e i tifosi a dire no alla Superlega, ma nel golf direttamente gli atleti. E’ una bella storia che attiene alla tradizione e al rispetto dei colori e della sacralità di un mondo che ha le sue regole, sostanzialmente immutabili da qualche secolo.

Mentre i club di calcio (gli irriducibili come Juve, Real e Barca, e i pontieri rappresentati dalle due milanesi e dagli inglesi) sviluppavano un business tutto incentrato su una auspicabile esplosione dei diritti tv – finanziati, durante lo start up, da un maxiprestito di JP Morgan, il classico mutuo per comprare casa, pure bello tosto, 3 miliardi e mezzo di euro -, i golfisti più prestigiosi venivano contattati fin da 7 anni fa.
“CI provano da 7 anni – ha dichiarato al Guardian Rory Mc Ilroy, nordirlandese, attuale numero 2 del mondo -. E’ un tentativo di lusinga commerciale, al quale io sono decisamente contrario, anzi non capisco perché ci debba essere un favorevole. Io gioco a golf per “cementare” il mio posto nella storia di questo sport, il che significa vincere i tornei più importanti, che sono quelli tradizionali”.
La nascente Super Lega scatterebbe dall’autunno 2022 e per il primo anno avrebbe in calendario solo cinque gare. Ridotto il numero dei partecipanti: forse gli ingaggi così elevati hanno spinto a selezionare – in teoria, in pratica le adesioni non ci sono – solo sedici professionisti di primissimo livello. I prescelti verranno suddivisi in quattro gruppi con tanto di capitano. Ma nessuno dei contattati ha dato finora disponibilità, ancorché le offerte viaggino su cifre che si collocano tra i 20 e i 30 milioni di dollari annui.
Formalmente dietro la Super League Golf c’è The Raine Group, una banca newyorkese d’investimenti. I soldi però arrivano dall’altra parte del mondo: dietro le quinte dell’intera operazione ci dovrebbe essere Majed al-Sorour, chief executive di Golf Saudi, ente gestore del golf in Arabia Saudita.
Un po’ come la SuperLega calcistica, è un fiume carsico che periodicamente riemerge e che tra due o tre anni, scommettiamo, riapparirà.
L’ultima considerazione da fare è professionale. Eventi di questo tipo spingono redazioni a fare i servizi dalla tv e inviati a rarefarsi. C’é quindi, in nuce, un oggettivo depotenziamento della qualità giornalistica che parte dalle restrizioni legate al Covid e finisce nell’abolizione della presenza sui campi. Il che impedisce un racconto “vero” per un lettore o un ascoltatore attento. Un highlight è più che sufficiente, in teoria, mentre in pratica solo il racconto “de visu” fornisce dati tecnici e di “ambiente” che costituiscono la premessa indispensabile del nostro lavoro.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.