///
Addio a David Messina, “Maestro” di giornalismo sportivo

Addio a David Messina, “Maestro” di giornalismo sportivo

Milano – Lutto nel mondo del Giornalismo sportivo. Si è spento a Milano all’età di 92 anni David Messina, grande firma del calcio, “maestro” di giornalismo sportivo e per anni presidente del GLGS.Palermitano, laureato in giurisprudenza, David Messina aveva debuttato da giovane in Sicilia nel giornalismo sportivo come corrispondente locale di Tuttosport, per essere presto chiamato a Milano in virtù delle sue qualità professionali. E’ stato inviato della Stampa, del Corriere dello Sport e quindi della Gazzetta dello Sport, dove la sua firma è stata sempre in primo piano nelle pagine del calcio. Il titolo di “maestro” gli è dovuto soprattutto per essere stato uno dei pionieri, se non l’inventore, delle cronache di calciomercato in tempi ormai lontani. Notevole anche la sua partecipazione come autore e conduttore a programmi tv sportivi, oltre a quella di autore di libri di tema calcistico.

IL RICORDO DEL COLLEGA, AMICO E PERSONAGGIO

(Gabriele Tacchini) La folta chioma da tempo bianca, l’eleganza d’altri tempi con l’immancabile gilet e la cravatta dalle tinte vivaci. Ci ha lasciato, a 92 anni, un personaggio unico, non solo sotto il profilo estetico. Difficile, anzi impossibile, da dimenticare. David Messina è stato un giornalista straordinario, un uomo speciale, una guida appassionata per i più giovani, l’autore di tante battaglie in nome di quella professione che amava. Qui non possiamo non ricordare la lunga militanza nell’USSI attraverso il GLGS, il Gruppo Lombardo Giornalisti Sportivi, che lo ha visto alla presidenza per circa tre lustri, fino al 2009. E ricordiamo anche l’emozione, nei suoi occhi e nei nostri, quando il 7 febbraio di due anni fa, in occasione del suo novantesimo compleanno, gli facemmo – con la presidenza di ALG e Panathlon – una festa a sorpresa.Il giornalismo è stato la sua vita. Aveva cominciato a Palermo, la sua città d’origine, a L’Ora come cronista giudiziario (forte della sua laurea in Giurisprudenza) anche se la sua vera vocazione era raccontare lo sport e quel che c’era dietro lo sport. Una vocazione coltivata dopo il trasferimento al Nord, firmando per Tuttosport, Corriere dello Sport, La Stampa e la Gazzetta dello Sport. La ‘rosea’ è stata per tanti anni la sua casa. I saloni e i corridoi del Gallia (e degli altri alberghi che si sono succeduti come sede del calciomercato) i suoi terreni di battaglia: giornalisticamente è stato, se vogliamo, l’inventore di quel mercato dove bisognava ricorrere alle proprie conoscenze e alle proprie relazioni per arrivare alla notizia del trasferimento di un calciatore da una società all’altra al termine di trattative condotte dai dirigenti (non c’erano i procuratori) in una stanza d’hotel. In quelle occasioni David c’era. Con l’eleganza di sempre. Uno stile portato poi anche sui teleschermi con il boom dei “processi” tele-calcistici.Non si può racchiudere la sua carriera in poche righe. Qui vogliamo ricordare anche il suo impegno negli organismi di categoria, la presenza costante nelle vicende sindacali: un impegno che non è mancato neppure negli ultimi anni, quando l’età reclamava una inevitabile riduzione delle forze. Anche qui David c’era sempre. E per tanti, che lo hanno conosciuto e apprezzato nei vari aspetti della sua multiforme attività, il suo ricordo resterà indelebile.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Convegno GLGS: “Mobilità leggera problema pesante”, confronto su ciclisti, auto e… rispetto

Uno dei temi più caldi del nostro vivere quotidiano, soprattutto nelle città, è stato oggi trattato e dibattuto sotto l’egida del Gruppo Lombardo Giornalisti Sportivi e dell’Associazione Lombarda Giornalisti, con l’ospitalità di Banco BPM. Il convegno Mobilità leggera Problema pesante, valido anche per 3 crediti della formazione professionale giornalistica, si è svolto stamattina nella Sala delle Colonne nel cuore di Milano, città-simbolo delle questioni relative alla mobilità.