///
Addio ad Antonini, penna doc nel mondo dei motori

Addio ad Antonini, penna doc nel mondo dei motori

Il ricordo di Alberto Bortolotti, Consigliere Nazionale

Sono previste per domani, tra il Policlinico Sant’Orsola a Bologna – dove e’ spirato nello stesso reparto che ha accompagnato Sinisa Mihajlovic – e il cimitero di San Lazzaro di Savena, prima cintura petroniana, le esequie di Alberto Antonini, già firma di Rombo e Autosprint (l’accoppiata vincente e storica di testate felsinee che rese grandi le cronache dei motori partoriti perlopiù a 50 km. a ovest, ovvero Maranello, con l’aggiunta di altrettanti a est, cioè la Faenza di Minardi), poi misurato, discreto e severo capoufficio stampa proprio del Cavallino sotto la gestione di Arrivabene.Alberto era un nipote d’arte. Fu infatti lo zio Giorgio Serra, il mitico Matitaccia – sempiterno ospite fisso e animatore delle serate domenicali del Processo al Gran Premio curato dal sottoscritto su Odeon TV – che lo introdusse a Rombo, seguendo la diaspora inevitabilmente fomentata dal genio di Marcello Sabbatini, colui che ha dato inizio a tutto, e che un giorno fece tuonare il suo vocione baritonale in redazione chiedendo uno pratico di computer. Allora non ce n’erano! Comparve Alberto e parti’ la storia, che si sviluppò poi con un altro mammasantissima dei pistoni da raccontare, ovvero Carlo Cavicchi ad Autosprint. In quella redazione di fuoriclasse tuttora attivi Antonini, inviato sulla Formula 1, lucido’ i suoi cilindri. L’approdo in Ferrari fu naturale e il grande pubblico televisivo lo conobbe per le sue comunicazioni asciutte e professionali durante le dirette di Sky. Come racconta lo zio Serra, le chiacchiere tra lui e il nipote si limitavano ai tortellini, specie nel quinquennio ferrarista. Alberto non era “solo” un giornalista. Come tutte le firme motoristiche, nel suo background c’erano approfondimenti ingegneristici. Quando uno emerge in questo campo, vuol proprio dire che è bravo.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

E’ di 24 medaglie il bottino italiano agli europei di Atletica Roma 2024. Il futuro ora è a Parigi 2024

Conclusi i Campionati europei di Atletica. Al Quirinale, il presidente Sergio Mattarella dà luogo alla cerimonia di consegna della Bandiera agli atleti italiani in partenza per i Giochi Olimpici e Paralimpici di Parigi 2024 con il Presidente del Coni Giovanni Malagò e il Presidente del Cip Luca Pancalli. Gli alfieri della squadra olimpica e paralimpica che rappresenteranno l’Italia alle prossime Olimpiadi e Paralimpiadi di Parigi sono Arianna Errigo e Gianmarco Tamberi e della squadra Paralimpica Luca Mazzone e Ambra Sabatini.

The Coach Experience: a Rimini la tavola rotonda “Costruzione dal basso”

Alla Fiera di Rimini, nell’ambito dell’evento dedicato ai tecnici del mondo del calcio “The Coach Experience”, la tavola rotonda dal titolo “Costruzione dal basso” ha visto la presentazione della proposta di “progetto tecnico-sportivo” elaborata dalle Associazioni di categoria dei Tecnici e dei Calciatori.

“Giampiero Galeazzi, un grande maestro!” 

Al Chia Laguna resort, la terza edizione del Memorial Giampiero Galeazzi, curata dall’Ussi in partecipazione con Coni, Msp, Odg, CraRegione e le associazioni sportive Aiace e Mediterranea, ha colto nel segno.