///
Addio Curzio Maltese, talento forgiato scrivendo di sport

Addio Curzio Maltese, talento forgiato scrivendo di sport

Curzio aveva cominciato a scrivere cose importanti sul Corriere dello Sport redazione di Milano e giovanissimo si era distinto per prosa eccellente e capacità di mixare storie di sport a uomini e situazioni. Poi la firma “politica” da editorialista pungente mai accomodante fedele alla linea di Repubblica prima di chiudere col Domani e lasciare la vita troppo giovane.

MILANO – Curzio Maltese, storica firma del quotidiano la Repubblica e, dallo scorso anno, di Domani, è morto a Milano dopo una brutta malattia che l’ha colpito nel 2018. Aveva 63 anni e dal 2014 al 2019 è stato europarlamentare per la lista L’Altra Europa con Tsipras.
Nato a Milano il 30 marzo 1959, cresciuto a Sesto San Giovanni, era giornalista professionista iscritto all’Ordine del Lazio dal 2 giugno 1982. A dare l’annuncio è stato, stamani, il direttore del Domani Stefano Feltri, ricordando che «ci ha lasciati un grande giornalista, che abbiamo avuto il privilegio di avere su Domani. Pur provato dalla malattia, forte della sua passione civile e dell’amore della moglie Paola, si è impegnato fino all’ultimo per un paese più giusto».

Fratello della giornalista sportiva della Rai, Cinzia Maltese, scomparsa nel 2002, si era dedicato al giornalismo dopo aver lavorato in fabbrica ed essersi approcciato alla professione nelle radio libere.
I suoi primi servizi, di cronica e sport, li ha firmati per i quotidiani La Notte e La Gazzetta dello Sport. Poi, per La Stampa ha cominciato a scrivere i primi commenti politici, ma anche indossare le vesti di critico teatrale e cinematografico. Passato a Repubblica nel 1995, per il settimanale Venerdì ha curato la rubrica “Contromano”, mentre per il quotidiano è stato uno dei più apprezzati editorialisti.
Impegnato politicamente, nel 2014 è stato eletto al Parlamento europeo per L’Altra Europa con Tsipras con 31.980 preferenze. Primo dei non eletti allo spoglio, è entrato in Parlamento grazie all’accordo di rinuncia, pubblicamente annunciato alla vigilia dell’elezione, con l’attore Moni Ovadia.
Autore televisivo, ha collaborato con Enrico Bertolino, Maurizio Crozza e Corrado Guzzanti nel programma “Il caso Scafroglia”. È stato anche autore di due documentari su Renzo Piano e Paolo Conte.

Tra i suoi libri: “Colpo grosso” con Pino Corrias e Massimo Gramellini (Baldini & Castoldi, 1994), “Come ti sei ridotto. Modesta proposta di sopravvivenza al declino della nazione” (Feltrinelli, 2006), “I padroni delle città”, (Feltrinelli, 2007), “La questua. Quanto costa la Chiesa agli italiani” (Feltrinelli, 2008), “La bolla. La pericolosa fine del sogno berlusconiano” (Milano, Feltrinelli, 2009), “Viaggio nella crisi della Lega” (la Repubblica, 2012).
Il 16 luglio 2021, dopo una lunga assenza, aveva scritto su Twitter: «Buongiorno a tutti. Eccomi qui, di nuovo, dopo tre anni. Un intervento alla testa mi ha ridotto alle corde e ho dovuto ricominciare a camminare, parlare e scrivere. È stato ed è un percorso complesso, ma oggi mi sento pronto a ritornare tra le persone. Ancora con alcune difficoltà, ma felice di esserci. Grazie di cuore a tutti coloro che mi sono stati accanto in questa prova terribile della mia vita e mi scuso con chi mi ha scritto con tanto affetto, ma non ero in grado di rispondere. La vita è sempre bella. Buona giornata a tutti, Curzio».

(Fonte: giornalistiitalia.it)

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.

Fondazione Allianz UMANA MENTE e Hol4All, una vacanza per tutti sulla neve di La Thuile

La Fondazione Allianz UMANA MENTE, principale espressione delle iniziative di responsabilità sociale del Gruppo Allianz in Italia, ha organizzato dal 20 al 24 marzo a La Thuile in Valle d’Aosta la nuova sessione di Hol4All, forma sintetica di “Holiday for All – una vacanza per tutti”, un progetto di integrazione e partecipazione sociale ideato per offrire una vacanza a bambini e ragazzi con una disabilità complessa o malattie rare, insieme alle loro famiglie.

Hol4All è un progetto avviato per la prima volta nel 2021 e nato dall’incontro tra famiglie con figli con disabilità e gli oltre 20 anni di esperienza della Fondazione Allianz UMANA MENTE. Hol4All risponde agli obiettivi 3 (Salute e benessere) e 10 (Ridurre le disuguaglianze) definiti dalle Nazioni Unite per uno sviluppo sostenibile (SDGs).

LO SPORT PER UNA SOCIETA’ PACIFICA E INCLUSIVA

Lo sport come ‘sviluppatore’ di pace e di inclusione, con il suo linguaggio universale, che non conosce confine, anzi li abbatte con i valori che ispirano, ogni giorno, chi si dedica alla pratica sportiva e la considera l’occasione, sempre, per unire, persone e popoli, nazioni e culture, puntando sulle differenze che aiutano e arricchiscono.

Concetti al centro della conferenza internazionale organizzata, nel Salone d’onore del Coni, da Creg dell’Università di Tor Vergata e da Promet impresa sociale, in occasione della ‘Giornata internazionale dello sport per lo sviluppo  e la pace’. Concetti sottolineati anche dal ministro per lo sport, Andrea Abodi nel suo messaggio di saluto, evidenziando come queste siano le linee guida di progetti che mettono al centro bambini e bambine, ragazzi e ragazze e tutti coloro che, attraverso una disciplina sportiva, ogni giorno portano in campo la passione e il rispetto.