///
Addio Roberto fuoriclasse e vanto del giornalismo sportivo

Addio Roberto fuoriclasse e vanto del giornalismo sportivo

di Gfc

Mai banale. Ogni pezzo un qualcosa di speciale. Amante della vita e dei suoi racconti, legati allo sport come chiaramente raccontano i suoi libri a partire dal primo dedicato a Zamora che fu più di un portiere di calcio. Un vanto per il giornalismo sportivo che è il settore se non più difficile certamente il più osservato e discusso dalla gente. Addio, Roberto. Crudele tie-break a sfavore ma lasci un ricordo stupendo.

La scheda / Lutto nel mondo del giornalismo: è scomparso all’età di 65 anni, Roberto Perrone. Lavorò a Il Giornale di Indro Montanelli e in tante altre prestigiose testate come L’Avvenire e Il Corriere della Sera, raccontando 9 Olimpiadi e 7 Mondiali di calcio; inoltre ha scritto di tutti i grandi tornei di tennis, Wimbledon, Roland Garros, Us Open, Australian Open, della Coppa Davis e della Fed Cup e di tutti gli avvenimenti di nuoto e pallanuoto degli ultimi anni; ha raccontato 11 finali di Champions League, 4 finali Europa League e 5 edizioni degli Europei di Calcio.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Bizzotto: i telecronisti di ogni età prendano esempio da maestri come Martellini”

“Quando affrontai la prima telecronaca della nazionale il mio pensiero andò a lui, a quel galantuomo del Microfono che da bambino avevo sentito scandire campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo con quello stile inimitabile. Ricevere come altri grandi colleghi che magari anche più e meglio di me ne hanno ripercorso le tracce mi emoziona”: parole di Stefano Bizzotto peraltro voce – con Katia Serra al commento tecnico – del racconto della finale vinta agli Europei di Londra dalla nazionale di Mancini con l’indimenticato Vialli team manager.