///
Nazionale, Var e stadi al seminario Figc-Ussi

Nazionale, Var e stadi al seminario Figc-Ussi

Primo giorno di lavori per la nona edizione del Seminario “Il calcio e chi lo racconta” organizzato dalla FIGC al Centro tecnico federale di Coverciano (Firenze), in collaborazione con l’USSI. Due giornate di formazione e aggiornamento per i giornalisti sportivi, con l’obiettivo di approfondire le principali e più attuali tematiche relative al calcio, che hanno preso il via con i saluti del Direttore Generale della Federcalcio Michele Uva e del Presidente dell’Unione Stampa Sportiva Italiana Luigi Ferrajolo.
Nel suo intervento, il dg ha fatto riferimento anche al successo ottenuto dalla Nazionale Femminile al Torneo Internazionale di Manaus, che domenica ha disputato la finale contro il Brasile: “Abbiamo perso la scorsa notte una partita contro il Brasile – ha dichiarato Uva – ma è già un grandissimo risultato quello ottenuto dalla Nazionale di Cabrini, arrivare in finale nel torneo di Manaus contro una delle prime quattro nazionali al mondo. La FIGC sta lavorando in diversi ambiti, i giovani, le riforme, non solo quelle dei campionati, ma anche quelle amministrative, il calcio femminile e le strutture, i nostri impianti. Ad esempio cerchiamodi migliorare Coverciano, sempre di più la casa della Nazionale, con investimenti sempre importanti”.
Dopo la lezione tenuta dal Commissario tecnico della Nazionale Gian Piero Ventura,a cui ha fatto seguito la classica conferenza stampa di fine anno, si è parlato del VAR (Video Assistant Referees) insieme a Roberto Rosetti, che sta coordinando la sperimentazione italiana. Nel pomeriggio spazio anche lezione tattica tenuta dal direttore della Scuola Allenatori di Coverciano Renzo Ulivieri alla questione stadi, approfondita d Alberto Rigotto, project manager Dacia Arena dell’Udinese, e alla nuova piattaforma scientifica “Ben-essere”, sviluppata dalla FIGC e rivolta ai giovani calciatori.
Parlando del VAR, Rosetti ha sottolineato: “Il presidente della FIFA Infantino sta dimostrando grande coraggio, ci crede molto e fa bene. Ci stanno lavorando tutti, a partire da Busacca, responsabile arbitri FIFA: gli errori avvenuti anche durante l’ultimo mondiale per club ci aiuteranno e serviranno per migliorare l’utilizzo della tecnologia. L’obiettivo è che la tecnologia possa aiutare, possa dare delle garanzie al mondo del calcio. Il VAR è una sperimentazione che durerà due anni. Nel marzo 2018 l’IFAB valuterà se avrà dato esito positivo. Ad applicare il protocollo sperimentale del VAR – ha proseguito Rosetti – sono paesi quali Germania, Francia, Portogallo, Italia, Stati Uniti e Brasile. La Lega di serie A e la FIGC si sono unite per aiutare la sperimentazione nel calcio italiano e questo lo considero un fattore positivo. Siamo un punto di riferimento per la FIFA, è un dato di fatto che gli arbitri italiani siano oggettivamente bravi”.
Domani, dopo il saluto del Presidente federale Carlo Tavecchio, i 70 anni dell’USSI saranno celebrati attraverso una sessione dedicata alle prospettive future del giornalismo sportivo, con la partecipazione dei giornalisti delle principali testate sportive italiane.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.

Fondazione Allianz UMANA MENTE e Hol4All, una vacanza per tutti sulla neve di La Thuile

La Fondazione Allianz UMANA MENTE, principale espressione delle iniziative di responsabilità sociale del Gruppo Allianz in Italia, ha organizzato dal 20 al 24 marzo a La Thuile in Valle d’Aosta la nuova sessione di Hol4All, forma sintetica di “Holiday for All – una vacanza per tutti”, un progetto di integrazione e partecipazione sociale ideato per offrire una vacanza a bambini e ragazzi con una disabilità complessa o malattie rare, insieme alle loro famiglie.

Hol4All è un progetto avviato per la prima volta nel 2021 e nato dall’incontro tra famiglie con figli con disabilità e gli oltre 20 anni di esperienza della Fondazione Allianz UMANA MENTE. Hol4All risponde agli obiettivi 3 (Salute e benessere) e 10 (Ridurre le disuguaglianze) definiti dalle Nazioni Unite per uno sviluppo sostenibile (SDGs).

LO SPORT PER UNA SOCIETA’ PACIFICA E INCLUSIVA

Lo sport come ‘sviluppatore’ di pace e di inclusione, con il suo linguaggio universale, che non conosce confine, anzi li abbatte con i valori che ispirano, ogni giorno, chi si dedica alla pratica sportiva e la considera l’occasione, sempre, per unire, persone e popoli, nazioni e culture, puntando sulle differenze che aiutano e arricchiscono.

Concetti al centro della conferenza internazionale organizzata, nel Salone d’onore del Coni, da Creg dell’Università di Tor Vergata e da Promet impresa sociale, in occasione della ‘Giornata internazionale dello sport per lo sviluppo  e la pace’. Concetti sottolineati anche dal ministro per lo sport, Andrea Abodi nel suo messaggio di saluto, evidenziando come queste siano le linee guida di progetti che mettono al centro bambini e bambine, ragazzi e ragazze e tutti coloro che, attraverso una disciplina sportiva, ogni giorno portano in campo la passione e il rispetto.