///
Ciclismo: Chiappucci infiamma la presentazione de “Il Giro racconta”

Ciclismo: Chiappucci infiamma la presentazione de “Il Giro racconta”


Claudio Chiappucci, i suoi ricordi di campione e la sua storica vittoria in solitaria al Sestriere nel Tour de France 1992, proprio 30 anni fa, infiammano la presentazione del libro “Il Giro racconta” al BClub di Nola. Con l’autore Gian Paolo Porreca, ospiti d’eccezione anche l’oro olimpico di pallanuoto Pino Porzio e il presidente dell’Ussi nazionale Gianfranco Coppola, protagonisti del forum sui temi dello sport, dell’inclusione sociale, dell’accoglienza.

Il Grande ciclismo, di scena al BClub di Nola, scalda il cuore di tantissimi appassionati intervenuti. La maglia gialla del Tour Claudio Chiappucci ha presentato “Il Giro racconta”, il libro di Gian Paolo Porreca (edito da LeVarie) che percorre la storia dei 115 arrivi della corsa rosa in Campania, impreziosito da due racconti inediti sul ciclismo di Gianfranco Coppola e di Gian Poalo Ormezzano. Al fianco del Diablo, uno dei ciclisti più amati di sempre dai tifosi italiani, è intervenuto il campione olimpico di pallanuoto Pino Porzio. Insieme hanno partecipato, inoltre, al forum promosso dall’Unione Stampa Sportiva Italiana, con la presenza del presidente Gianfranco Coppola, sul tema “Lo sport. Quando vincere è la gioia della fatica tra inclusione sociale e accoglienza”.

Chiappucci e Porzio hanno raccontato di quella meravigliosa, indimenticabile estate del 1992, proprio 30 anni fa, quando prima il Diablo compì il 18 luglio la clamorosa impresa di vincere la mitica tappa del Sestriere al Tour de France, arrivando solo e in maglia a pois al traguardo; poi, tre settimane dopo, il 9 agosto, Pino Porzio conquistò con l’Italia l’oro olimpico di Barcellona, al termine di una finale infinita e indimenticabile giocata e vinta contro la Spagna di Estiarte.

Emozioni, ricordi e una piacevole galleria di foto e di video hanno caratterizzato la presentazione de “Il Giro Racconta”, nella tradizione atmosfera glamour che distingue da sempre il BClub di Giuseppe Vilardi e di Michele Vittorioso, il bellissimo e rinomato ristorante italiano a Nola, con la raffinata e talentuosa dello chef Ugo Patierno. La presentazione ha rappresentato anche l’occasione per parlare dell’ormai imminente partenza del Tour de France (il primo luglio prossimo) con Claudio Chiappucci, uno dei grandi protagonisti della corsa a tappe francese negli anni 90 (tre volte sul podio finale, vestendo sia la maglia gialla sia la maglia a pois di migliore scalatore), tornato sulle strade della Campania che ama e che lo hanno visto spesso vincitore e protagonista nella sua lunga carriera, insieme all’amico di sempre Salvatore Letizia e a tantissimi appassionati e suoi tifosi arrivati a Nola per salutare il Diablo azzurro.

In questa lunga estate 2022 “Il Giro racconta” continuerà il suo tour di presentazioni, in Campania, con l’obiettivo di aggregare campioni, appassionati, tifosi e addetti ai lavori, attorno alla meravigliosa storia della Corsa Rosa e dei suoi 115 arrivi in Campania.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Bizzotto: i telecronisti di ogni età prendano esempio da maestri come Martellini”

“Quando affrontai la prima telecronaca della nazionale il mio pensiero andò a lui, a quel galantuomo del Microfono che da bambino avevo sentito scandire campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo con quello stile inimitabile. Ricevere come altri grandi colleghi che magari anche più e meglio di me ne hanno ripercorso le tracce mi emoziona”: parole di Stefano Bizzotto peraltro voce – con Katia Serra al commento tecnico – del racconto della finale vinta agli Europei di Londra dalla nazionale di Mancini con l’indimenticato Vialli team manager.