///
Dieci anni senza Mennea, Coni e Ussi lo ricordano a Napoli

Dieci anni senza Mennea, Coni e Ussi lo ricordano a Napoli

Il tavolo dei relatori – Foto Carlo Zazzera

di Mario Zaccaria (per ANSA)

A dieci anni dalla scomparsa Pietro Mennea è ancora un mito dello sport, non soltanto per la grandezza delle sue prestazioni agonistiche (detiene ancora il record europeo dei 200 metri piani con il tempo di 19’72” stabilito a Città del Messico nel 1979) ma anche a soprattutto per l’esempio che ha rappresentato per i giovani per il suo modo di vivere, per una carriera costellata da tante difficoltà e da grandi sacrifici, tutti superati con la passione e la forza di volontà.

Oggi il campione è stato ricordato all’Archivio di Stato di Napoli con un convegno dal titolo ‘Mennea, pagine di eroica fatica’, organizzato dal Coni Campania e dall’Ussi (Unione Stampa Sportiva Italiana). All’incontro, moderato dal presidente dell’Ussi, Gianfranco Coppola e introdotto dalla direttrice dell’Archivio di Stato di Napoli, Candida Carrino, hanno partecipato Manuela Olivieri Mennea, moglie del campione scomparso, il critico cinematografico, scrittore e saggista,Valerio Caprara, il campione di atletica e giornalista, Franco Fava, due storiche firme dell’atletica, i giornalisti Giorgio Lo Giudice e Fausto Narducci e il campione olimpico Patrizio Oliva.

 “Il fatto che rimanga nei suoi confronti un’attenzione così alta – ha detto Manuela Olivieri Mennea – vuol dire che Pietro nella sua vita ha fatto qualcosa di buono. Era una persona semplice e molto amata dagli altri”.

Valerio Caprara ha spiegato di essere rimasto sempre “colpito dalla sua straordinaria normalità, un aspetto che mi ha conquistato e mi ha reso orgoglioso delle sue vittorie”. “Si presentava – ha aggiunto – nell’aspetto e nel parlare con una incredibile normalità, tipica delle persone eccezionali che non hanno nulla di anormale”.

 Franco Fava ha raccontato del suo primo incontro con il campione della velocità. “Avevamo 16 anni – ha ricordato – quando ci siamo incontrati per la prima volta. Abbiamo vissuto assieme a Monaco l’esperienza delle Olimpiadi con l’attentato alla palazzina della delegazione israeliana, poi abbiamo fatto moltissime trasferte assieme. Ricordo la sua solitudine nei lunghi periodi di allenamento a Formia. La vittoria, diceva Pietro, te la devi conquistare giorno dopo giorno con gli allenamenti”. “Era sempre ostinatamente alla ricerca della perfezione – ha concluso Fava -. Mi colpiva la sua forza di volontà. Aveva un carattere forte caratterizzato da una voglia  continua di sognare e di lavorare per poter concretizzare i suoi sogni. Ricordo una frase che mi disse: ‘Io sarò prima o poi l’ultimo primatista mondiale bianco della velocità’. La vita di Pietro dovrebbe essere argomento di studio per i ragazzi nelle scuole”.

“Ho seguito Pietro – ha raccontato Giorgio Lo Giudice – nei primi anni della sua attività. Doveva sempre vincere e battere se stesso per dimostrare di che pasta era fatto. Sapeva essere cattivo verso gli altri e verso se stesso ma poi era molto umano e molto sensibile. Ci sono stati anche tanti momenti negativi e ricordo bene il modo in cui riusciva a superare le avversità”.

“Mennea teneva fondamentalmente alla sua libertà. Apparteneva solo a se stesso e la sua grandezza non è solo nelle grandi imprese ma anche in quelle piccole. Era capace di correre nello stesso giorno anche più volte facendo sempre delle grandi prestazioni. In ogni gara riusciva a dare il massimo di se stesso. Nessuno ha saputo sfidare se stesso come ha fatto lui”.

 ”Ho conosciuto Mennea ai Giochi del Mediterraneo del 1979 – ha ricordato Patrizio Oliva – lui era già famoso ed ebbi il coraggio di andarlo a salutare. Da quel momento diventammo amici. Poi ci rivedemmo alle Olimpiadi a Mosca dove entrambi vincemmo la medaglia d’oro. Aveva una grande bontà e una grande simpatia. A lui mi accomunano tante cose: le ristrettezze economiche e le difficoltà ad allenarsi, la solitudine negli allenamenti. Ma come diceva Pietro – ha concluso l’ex pugile – è lì che si costruisce la vittoria, si prepara la sfida e si riescono a fare imprese straoredinarie”.

L’attore Claudio Di Palma ha letto alcuni passi del volume postumo di Mennea ‘Monaco 1972’. L’Ussi ha premiato con una targa la giovane giornalista Federica Inverso del quotidiano Ottopagine per un articolo sul campione scomparso.

I relatori al termine del convegno – Foto Carlo Zazzera

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Corte federale d’appello, confermata la sanzione da 250mila euro al Napoli

Il club di Aurelio De Laurentiis aveva impedito l’accesso alle conferenze stampa di alcuni cronisti. Episodi stigmatizzati più volte dall’Ussi. “Adesso, a un mese dall’avvio del campionato, arriva un segnale importante per il diritto di cronaca che conferma il nostro impegno quotidiano” dice Gianfranco Coppola

Ussi e libertà di stampa, due sentenze esemplari 

Conferenze stampa con limitazioni contrarie al protocollo Ussi – Lega Serie A, che garantiscono a tutti i giornalisti il libero accesso alle fonti  e il contradditorio con i tesserati: l’Unione Stampa Sportiva Italiana come da mission segnala quanto attiene al lavoro dei giornalisti e giornalisti per immagini ma anche le inosservanze ai regolamenti varati dalla Lega serie A da parte delle società. Le condizioni di lavoro alla vigilia della fase agonistica della nuova stagione di fatto già scattata chiedono attenzione e decisioni non unilaterali.

TUFFI SENZA BARRIERE: IL 23 LUGLIO TORNA A ROMA “TUFFI ADAPTED”

Si rinnova anche per il 2024 l’iniziativa Tuffi Adapted, organizzata dalla M.R. Sport dei fratelli Marconi asd e patrocinata dai principali enti locali e sportivi, diventata tappa fissa nel panorama nazionale e internazionale dei tuffi per atleti con disabilità.

Grazie anche al contributo del Progetto “Tuffi 3D: Diversity – Dive – Disabled”, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche della Famiglia nell’ambito del Avviso pubblico “Educare insieme”, tuffatori provenienti da tutta Italia si incontreranno a Roma il prossimo 23 luglio 2024 presso Complesso Natatorio del Foro Italico, per confrontarsi in una gara di tuffi il cui obiettivo è offrire opportunità sportive, sociali e relazionali a persone con disabilità per una loro crescita e integrazione.

Addio a Marcello Lazzerini gentiluomo della Rai

E’ morto a 86 anni il giornalista e scrittore fiorentino Marcello Lazzerini. Come ricorda l’Ast in una nota in cui esprime cordoglio, Lazzerini era stato cronista de L’Unità fin dagli anni Sessanta e poi era passato alla Rai divenendo “un ottimo telecronista e radiocronista perfino di ‘Tutto il calcio minuto per minuto’, con Enrico Ameri e Sandro Ciotti. Otteneva ascolti e considerazione raccontando la Fiorentina”. Fu anche scrittore e vinse il Bancarella sport.