///
GIANNI BRERA A CENT’ANNI DALLA NASCITA, CONVEGNO A MILANO

GIANNI BRERA A CENT’ANNI DALLA NASCITA, CONVEGNO A MILANO

Milano – Se il re dei giornalisti sportivi e “padre” della lingua calcistica italiana fosse ancora tra noi, cosa ne penserebbe del mondo che ci sta attorno? Come giudicherebbe Gianni Brera il calcio attuale, la sconvolgente rivoluzione mediatica della rete, o un’innovazione come la Var che fa esplodere roventi polemiche a ogni turno di campionato?
Domande attorno alle quali è ruotato il convegno-seminario “L’immenso Gianni Brera a cent’anni dalla nascita”, organizzato a Milano dall’Associazione Cives Universi. Non solo ipotetiche domande, ma anche testimonianze sui vari aspetti della complessa figura del “Gioann Brera fu Carlo”, sulla sua storia professionale, sui rapporti non sempre facili ma sempre formativi avuti con lui da giornalisti che all’ombra della sua monumentalità iniziarono la carriera. Molti gli intervenuti, a cominciare dal figlio Franco, musicista, che assieme al pubblico ha ricordato con un minuto di silenzio il fratello Paolo, giornalista e scrittore scomparso improvvisamente pochi giorni fa, e che anche in quest’occasione avrebbe dovuto essere uno dei relatori in un convegno dedicato al padre.
All’incontro, condotto dal vicepresidente del GLGS-USSI Lombardia e tesoriere dell’OdG lombardo, Franco Ordine, è intervenuto con un saluto il presidente del GLGS, Gabriele Tacchini, e hanno portato il loro contributo numerosi relatori: l’ex arbitro Paolo Casarin, convinto sostenitore della VAR e amico di Gianni Brera, i direttori Sandro Neri (Il Giorno) e Fabio Ravezzani (Telelombardia-Mediapason), il sindaco di San Zenone al Po, Eugenio Tartanelli, i giornalisti Monica Colombo, Bruno Longhi, Fabrizio Biasin e Luca Momblano. 
A conclusione, una sorpresa: Franco Brera ha interpretato alla chitarra una canzone satirica sui “Dolori del Giovane Werther”: testo di Gianni Brera, musica di Carlo Brera, primo figlio del “Gioann”.
Nella foto, da sinistra: il sindaco Tartanelli, Sandro Neri, Paolo Casarin, Franco Brera, Monica Colombo, Fabio Ravezzani e Franco Ordine.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Il racconto dello sport: i premi USSI, a Rimedio e Repice il Martellini 2024

La Sala Stampa dello Stadio Olimpico ricca di emozioni ha accompagnato la consegna del premio USSI “Lo sport e chi lo racconta”, giunto quest’anno alla sua quinta edizione. In sala anche Loredana Macchietti, regista e moglie del giornalista Gianni Minà, cui era dedicata l’edizione 2023 del concorso, i campioni di ciclismo su pista Antonio Castello e Mario Valentini e i tre primi classificati del premio USSI mentre nel ricordo di un grande maestro il Premio Nando Martellini 2024 è andato ad Alberto Rimedio e Francesco Repice voci della Nazionale e non solo per Rai Sport e Radio Rai.

Al quarto tempo di LND coi vertici del calcio anche Ussi per l’innovazione del calcio dilettantistico

Oltre 9.500 presenze, 26 convegni/panel, 110 delegati di tutti i Comitati LND d’Italia che hanno partecipato all’Agorà, 2800 studenti, giovani calciatori e calciatrici delle società dilettantistiche. Si è chiusa con questi numeri la tre giorni a Lanciano di ‘Quarto
Tempo – L’innovazione del calcio dilettantistico’. L’evento organizzato dalla Lega presieduta da Giancarlo Abete. Alla manifestazione hanno partecipato il Ministro per lo Sport, Andrea Abodi, e tutti i vertici delle componenti della Figc e della Lega Dilettanti. L’Unione Stampa Sportiva Italiana con la collaborazione del Consigliere Nazionale Walter Nerone e del Gruppo USSI Abruzzo presieduto da Giancarlo Febo è stata partner della tre gironi moderando i panel di approfondimento oltre a organizzare un corso di formazione per giornalisti con crediti dell’Ordine.