///
Giornalismo sportivo 99 anni dopo la nascita dell’Aips

Giornalismo sportivo 99 anni dopo la nascita dell’Aips

Gianni Merlo all’85° Congresso AIPS di Seul – foto Carlo Pozzoni-AIPS Media

di Gianni Merlo – Presidente AIPS

Inizia oggi il viaggio lungo un anno che ci porta al nostro centenario. Novantanove anni fa un gruppo di colleghi ebbe la brillante idea di creare AIPS. Avevano visto il futuro della nostra professione e avevano creato l’associazione per tutelarne i diritti. Il loro lavoro è stato eccezionale. Ora abbiamo il dovere di continuare a seguire la strada che ci hanno indicato.

TEMPI DIFFICILI – Il mondo sta vivendo in questo momento momenti difficili: la guerra in Ucraina, le tensioni e gli scontri armati in varie parti dei continenti, la siccità, il cambiamento climatico. Lo sport non è esente da influenze negative e per questo è nostro dovere unirci per affrontare le difficoltà e difendere la nostra indipendenza. Lo sport nasce per unire le persone, perché usa un linguaggio e regole comuni in tutto il mondo ed è intergenerazionale.

INDIPENDENZA – Noi, con la nostra critica costruttiva, dobbiamo difenderne le regole e la sua integrità, perché lo sport è cultura perché unisce persone e generazioni diverse. La nostra indipendenza è un bene fondamentale e in questo momento tra i tanti casi nel mondo scegliamo di chiedere la liberazione di Niloofar Hamedi ed Elaheh Mohammadi, due giovani colleghi iraniani, che sono in carcere da mesi perché hanno commesso il “reato” di fare onestamente il proprio lavoro.

INTELLIGENZA ARTIFICIALE – Adesso è arrivato il momento dell’AI, l’intelligenza artificiale, che alcuni considerano uno strumento digitale utile e positivo. Io, personalmente, non sono di questa opinione. L’Intelligenza Artificiale può combattere, come sostengono alcuni, le fake news, ma soprattutto può creare fake news velocemente o generare immagini che non hanno nulla a che fare con la realtà, ma sembrano perfette e reali. Il pubblico è fragile e quindi l’Intelligenza Artificiale, se non controllata, può fare più danni di una guerra o di una pandemia.

INVESTIMENTI IN CULTURA – Per questo continueremo sulla strada degli investimenti in cultura con gli straordinari programmi dedicati ai Giovani Reporter e con gli AIPS Sport Media Awards, che stanno riscuotendo un grande successo. Queste sono le nostre armi con cui cerchiamo di combattere l’ignoranza, che è la più grande minaccia per lo sport. Se saremo uniti nella battaglia per difendere la cultura della nostra professione, potremo consegnare alle prossime generazioni di giornalisti un futuro migliore e non un ghetto in cui vivere, senza libertà di idee, fondamentali nello sport. Dopo queste parole, vi presento alcune immagini della nostra storia quasi centenaria e delle nostre iniziative.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.