///
Il GLGS (Ussi Lombardia) ricorda così il collega Daniele Radaelli

Il GLGS (Ussi Lombardia) ricorda così il collega Daniele Radaelli

Milano 2 gennaio 2018 – Il 2017 si è chiuso con un grave lutto per il giornalismo sportivo italiano: nel pomeriggio del 31 dicembre, all’ospedale di Vimercate, è morto Daniele Redaelli, 65 anni, già caporedattore centrale e segretario di redazione della Gazzetta dello Sport, dove era entrato giovanissimo come correttore di bozze per poi diventare giornalista professionista nel 1976. Durante tutta la sua carriera, è stato iscritto al GLGS.
Daniele Redaelli, originario di Sesto San Giovanni (dove i suoi funerali saranno celebrati mercoledì 3 gennaio, nella basilica di Santo Stefano alle ore 10), è stato una delle colonne della Gazzetta, che lo ha ricordato come “uno che aveva la maglia rosa cucita sulla pelle”: ha guidato a lungo la redazione Sport Vari prima di diventare segretario di redazione. Dopo la pensione, ha continuato a vivere l’atmosfera del “suo” giornale: era lui che spiegava la Gazzetta alle scolaresche in visita, era lui ad occuparsi della Fondazione Candido Cannavò per lo sport.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

PREMI GLGS-USSI LOMBARDIA A MARCELL JACOBS, MILAN E WALTER VELTRONI

Decisi i vincitori per la “Festa delle Premiazioni 2021-2022 di Ussi Lombardia.
La cerimonia di premiazione, che il GLGS organizza in collaborazione con Regione Lombardia, è in programma lunedì 10 ottobre, alle ore 16.00, nella Sala Gaber della Regione al “Pirellone”, in Piazza Duca d’Aosta a Milano. Verranno inoltre premiati i vincitori del Premio Fotografico “Momenti di Sport” 2021-2022 (10/ma edizione), organizzato dal GLGS-USSI Lombardia in partnership con SMO (Sport Management Organization).

CELEBRATI I 70 ANNI DEL PANATHLON CLUB MILANO

Lo sport con i suoi valori etici e sociali, ma anche intrattenimento, danza, riflessioni e dibattiti hanno animato la manifestazione con cui il Panathlon Club Milano ha celebrato ieri sera i suoi “70 Meravigliosi Anni” nell’Auditorium Testori di Palazzo Lombardia.

IL RICORDO DI EDOARDO MANGIAROTTI A 10 ANNI DALLA MORTE

Dieci anni fa, il 25 maggio 2012, si spegneva Edoardo Mangiarotti, lo sportivo italiano più decorato di tutti i tempi: 13 medaglie olimpiche (6 ori, 5 argenti, 2 bronzi) e 26 iridate (13 ori, 8 argenti e 5 bronzi). Oggi, passato un decennio, il mondo dello sport onora ancora il suo ricordo