///
Il Club Italia abbraccia i vicecampioni del Mondo della Nazionale di beach soccer a Coverciano

Il Club Italia abbraccia i vicecampioni del Mondo della Nazionale di beach soccer a Coverciano

(www.figc.it) Medaglia d’argento al collo e l’emozione di aver reso orgoglioso tutto il movimento del calcio italiano. La Nazionale italiana di beach soccer, di ritorno da Dubai, è stata accolta questa mattina a via Allegri e celebrata per il grande cammino avuto negli Emirati Arabi. Il secondo posto al Mondiale, frutto di un grande percorso – passato dal primo posto nel girone e dalle vittorie in rimonta ai quarti e in semifinale su Tahiti e Bielorussia, fermatosi solo di fronte al super Brasile nella gara per il titolo – è stato applaudito dal presidente Gabriele Gravina e sottolineato attraverso un video emozionale.

GRAVINA. “Questi sono ragazzi straordinari – ha commentato il numero 1 della FIGC –. Hanno avuto la capacità di essere squadra, di saper accettare in maniera dignitosa una sconfitta in una finale con i mostri sacri del Brasile che cominciamo comunque ad avvicinare, competendo alla pari anche con loro. Quello di Dubai è stato uno spot meraviglioso per tutto il calcio italiano”. Il presidente ha poi sottolineato: “È stata una spedizione impegnativa, ma ancora una volta abbiamo portato a casa un risultato davvero importante. Questo argento è un risultato meraviglioso ed è bello poter accogliere questi ragazzi nella loro casa, nella casa del calcio, la casa della Federazione. I complimenti sono per quanto fatto in campo, ma anche e soprattutto per il loro comportamento e atteggiamento”.

DEL DUCA. Un traguardo che anche il Ct Emiliano Del Duca rivendica fortemente: “Eravamo partiti con l’obiettivo di arrivare fino in fondo – ha dichiarato – e questo gruppo avrebbe meritato il compimento del sogno. Ma ciò che volevo principalmente è che venissero trasmessi i valori che devono avere i calciatori quando indossano la maglia dell’Italia: senso d’appartenenza, orgoglio, voglia di rappresentare il proprio paese. Tutto questo è certamente venuto fuori, quindi l’obiettivo possiamo definirlo centrato”.

JOSEP. Un gruppo unito, anche nelle difficoltà, che ha avuto in Josep Jr la sua stella, eletto miglior giocatore del Mondiale 7 mesi dopo l’operazione al crociato: “Vincere il premio individuale è bellissimo per tutti gli sforzi fatti. Ma è stato possibile solamente attraverso la forza del nostro gruppo. Chiaramente non avremmo mai voluto perdere in finale, ma dobbiamo fare i complimenti al Brasile. Questa partita deve essere il nostro punto di partenza, per provare a vincere il prossimo Mondiale”.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.