///
Il Presidente di Sport e Salute Vito Cozzoli ha portato il suo saluto al Congresso AIPS

Il Presidente di Sport e Salute Vito Cozzoli ha portato il suo saluto al Congresso AIPS

Il Presidente USSI Gianfranco Coppola e il Prewsidente di Sport e Salute Vito Cozzoli al Congresso AIPS – foto G. Masi

Ringrazio i giornalisti dell’USSI e i partecipanti al congresso internazionale AIPS per quello che fanno a servizio dello sport, per come ci raccontano emozioni, passioni, eventi che diventano la storia dello sport, ma possono diventare anche storia della vita di ognuno di noi”. Al termine del discorso all’Auditorium che ospita gli incontri dell’84°Congresso AIPS, il presidente di “Sport e Salute” Vito Cozzoli si è concesso a una breve intervista con il segretario generale USSI Guido Lo Giudice, che ha ringraziato il presidente per la presenza, ma soprattutto per il supporto che “Sport e Salute” ha dato all’evento. Un supporto concretizzato anche nello “Stadio Olimpico Tour”, organizzato appositamente da “Sport e Salute” per tutti i delegati del Congresso, al quale hanno partecipato partecipanti e ospiti presenti a Roma per le elezioni AIPS. 

Noi come ‘Sport e Salute’ promuoviamo lo sport, i corretti stili di vita, il diritto allo sport di tutti e per tutti. I giornalisti sportivi hanno una grande responsabilità e un grande merito: ecco perchè dobbiamo lavorare sempre più in sinergia con i giornalisti sportivi, perchè da una parte loro raccontano le gesta dei grandi atleti allo Stadio Olimpico e al Foro Italico, dall’altra noi speriamo che possano raccontare sempre di più le storie di vita che sport e salute ogni giorno promuove ed accompagna in tutto il territorio italiano”.

Riguardo il paralimpismo, e l’importante ruolo che lo sport paralimpico può ricoprire per l’intera società, ad esempio come opportunità alle persone che hanno subito momenti difficili di iniziare una nuova vita, Cozzoli ha affermato che “una svolta è avvenuta lo scorso anno in occasione delle paralimpiadi, quando anche i Tg e i giornali hanno dedicato molti titoli, anche di apertura, a imprese dei nostri atleti e delle nostre atlete paralimpiche. Lì ho visto la svolta, che deve completarsi, come spero, veicolando il valore dello sport. I grandi campioni rappresentano dei simboli per quello che trasmettono a tutti, quindi lo sport di alto livello deve diventare driver per la promozione dello sport di base. È un po’ l’anima sociale di “Sport e Salute”, che ha un’anima industriale che riguarda eventi sportivi del Foro Italico e dello Stadio Olimpico, ma ha un’anima sociale: la promozione dello sport di tutti e per tutti nella scuola, nei progetti sociali e di inclusione, “Sport nei Parchi” e spero che salga anche l’attenzione del valore sociale dello sport a tutti i livelli. Sono certo che i giornalisti sportivi di tutto il mondo daranno un grande sostegno e supporto a questa rivoluzione, che è anche culturale”. 

Per il futuro, Cozzoli disegna i progetti nei quali “Sport e Salute” è coinvolta. “Lo scorso anno abbiamo accompagnato un milione e 700mila bambini della scuola primaria a fare sport; arriveremo a 2 milioni di bambini che saranno avviati alla pratica sportiva e che potranno scegliere il loro sport preferito. Penso ai “Progetti Quartieri, nei quali lo sport ha un ruolo di valore sociale. Penso a “Sport nei Parchi”: oggi ci sono 480 isole di sport in altrettanti comuni italiani a disposizione della comunità. “Sport e Salute” vuole far crescere lo sport e mette al centro  le persone, la collettività, attraverso azioni concrete. Questo è ciò che ci caratterizza e che spero venga apprezzato dalla stampa sportiva che può veicolare, attraverso i propri racconti, anche nuove abitudini per tutti gli italiani”.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.

Fondazione Allianz UMANA MENTE e Hol4All, una vacanza per tutti sulla neve di La Thuile

La Fondazione Allianz UMANA MENTE, principale espressione delle iniziative di responsabilità sociale del Gruppo Allianz in Italia, ha organizzato dal 20 al 24 marzo a La Thuile in Valle d’Aosta la nuova sessione di Hol4All, forma sintetica di “Holiday for All – una vacanza per tutti”, un progetto di integrazione e partecipazione sociale ideato per offrire una vacanza a bambini e ragazzi con una disabilità complessa o malattie rare, insieme alle loro famiglie.

Hol4All è un progetto avviato per la prima volta nel 2021 e nato dall’incontro tra famiglie con figli con disabilità e gli oltre 20 anni di esperienza della Fondazione Allianz UMANA MENTE. Hol4All risponde agli obiettivi 3 (Salute e benessere) e 10 (Ridurre le disuguaglianze) definiti dalle Nazioni Unite per uno sviluppo sostenibile (SDGs).

LO SPORT PER UNA SOCIETA’ PACIFICA E INCLUSIVA

Lo sport come ‘sviluppatore’ di pace e di inclusione, con il suo linguaggio universale, che non conosce confine, anzi li abbatte con i valori che ispirano, ogni giorno, chi si dedica alla pratica sportiva e la considera l’occasione, sempre, per unire, persone e popoli, nazioni e culture, puntando sulle differenze che aiutano e arricchiscono.

Concetti al centro della conferenza internazionale organizzata, nel Salone d’onore del Coni, da Creg dell’Università di Tor Vergata e da Promet impresa sociale, in occasione della ‘Giornata internazionale dello sport per lo sviluppo  e la pace’. Concetti sottolineati anche dal ministro per lo sport, Andrea Abodi nel suo messaggio di saluto, evidenziando come queste siano le linee guida di progetti che mettono al centro bambini e bambine, ragazzi e ragazze e tutti coloro che, attraverso una disciplina sportiva, ogni giorno portano in campo la passione e il rispetto.