///
Il presidente Uefa Čeferin apre il Congresso Aips-Ussi

Il presidente Uefa Čeferin apre il Congresso Aips-Ussi

Da sin. il Presidente AIPS Merlo, il Presidente USSI Coppola, il Presidente UEFA CeferinFoto G.MASI

“Da due anni e mezzo viviamo in una crisi costante a causa della pandemia e di idee sciocche che hanno cercato di rovinare il calcio. La soddisfazione più grande è che in un momento così difficile il calcio europeo sia rimasto unito e che oggi lo sia ancora più di prima”. Con queste parole il presidente della Uefa, Aleksander Čeferin, ha aperto l’84° Congresso Aips in programma a Roma dal 3 al 6 ottobre. Nel corso della lunga intervista che ha concesso al presidente Aips Gianni Merlo, il dirigente sportivo sloveno è tornato a condannare il progetto della Superlega europea, rispondendo alle ultime dichiarazioni del presidente del Real Madrid, Florentino Pérez. “Credo che abbiamo parlato di questo fin troppo a lungo. È un problema che non esiste più. Le sue parole mostrano ancora una volta che l’idea sia quella di chiudere tutto e far sì che non si giochi contro i club minori. Questa idea non merita altro commento, ci sarebbe grande differenza tra club poveri e ricchi, non ci sarebbe equilibrio”. “Il problema principale è la globalizzazione – ha aggiunto il presidente Uefa – ma con la nuova regolamentazione del fair play finanziario stiamo cercando di colmare il divario. Non credo che si possa eliminare del tutto questo problema ma penso che si possa raggiungere un accordo tra le leghe che vogliono regolamentazioni più ferree e quelle che vogliono un sistema più leggero”. Čeferin ha poi svelato che si ricandiderà alla presidenza della Uefa: “Ho già ricevuto 55 lettere di sostegno e sarebbe strano se non mi ricandidassi”. Inoltre, il leader del calcio europeo ha espresso la sua soddisfazione per il successo delle nuove competizioni europee: “Sono molto soddisfatto di come Nations League e Conference League si stiano sviluppando. Quest’ultima inizialmente è stata criticata da qualcuno ma ora ci chiedono di giocare le partite in stadi più grandi. La finale vinta dalla Roma nella passata stagione, ad esempio, è stata più vista di quella dell’Europa League”.

Non poteva mancare anche una battuta sul nuovo format della Champions League, che entrerà in vigore nel 2024: “Senza la tradizionale suddivisione in gironi sarà una competizione ancora più interessante. Ci saranno quattro squadre in più e tutti giocheranno con tutti”. Infine, dopo aver risposto alle curiosità dei tanti giornalisti Aips e Ussi presenti in sala, Čeferin ha ricevuto un riconoscimento da parte del presidente nazionale dell’Ussi, Gianfranco Coppola. 

Foto Gennaro Masi

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.