///
Le condoglianze dell’Ussi per la morte di Vito Maggio

Le condoglianze dell’Ussi per la morte di Vito Maggio

È morto questa mattina il giornalista sportivo Vito Maggio, punto di riferimento per il mondo dei cronisti sportivi, dello sport siciliano
e non solo. Aveva 91 anni. Vito Maggio è stato dirigente sportivo, cronista attento e scrupoloso. Da sempre impegnato in prima linea sulla interminabile battaglia dello stato di salute degli impianti sportivi cittadini. Ha seguito per tantissimi anni le vicende quotidiane della squadra di calcio del Palermo andando ogni giorno sui campi di allenamento. Una conoscenza delle vicende rosanero che gli ha permesso di raccontare e firmare insieme a Giuseppe Bagnati il libro “Palermo, una storia di cent’anni” in occasione dei primi cento anni
del club rosanero. Appassionato delle vicende sportive, dopo avere raccontato la prima squadra rosanero ha continuato a seguire quelle della Primavera negli anni migliori del settore giovanile palermitano con lo stesso spirito di un cronista all’inizio della carriera
giornalistica.

Corrispondente per oltre cinquant’anni della Gazzetta dello Sport ha ideato e diretto per oltre quarant’anni lo Sport Film Festival,
rassegna internazionale della cinematografia sportiva. Difficile immaginare un evento sportivo senza la presenza di Vito Maggio, dai
primi storici mondiali di football americano al velodromo di Palermo fino a quelli di baseball, sua vera passione, che lo hanno portato a
essere anche dirigente della federazione sia di baseball che di softball.
Aveva sempre consigli preziosi per i cronisti più giovani e non perdeva occasione per sostenere e incoraggiare le iniziative sindacali nella lotta al precariato in tutti i campi e in particolare nel mondo dei giornali.
L’Ussi ricorda Vito Maggio ed esprime le più sentite condoglianze alla famiglia.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Bizzotto: i telecronisti di ogni età prendano esempio da maestri come Martellini”

“Quando affrontai la prima telecronaca della nazionale il mio pensiero andò a lui, a quel galantuomo del Microfono che da bambino avevo sentito scandire campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo con quello stile inimitabile. Ricevere come altri grandi colleghi che magari anche più e meglio di me ne hanno ripercorso le tracce mi emoziona”: parole di Stefano Bizzotto peraltro voce – con Katia Serra al commento tecnico – del racconto della finale vinta agli Europei di Londra dalla nazionale di Mancini con l’indimenticato Vialli team manager.