///
MANGIAROTTI DAY: IL RICORDO DI EDO, NEL CENTENARIO DELLA NASCITA

MANGIAROTTI DAY: IL RICORDO DI EDO, NEL CENTENARIO DELLA NASCITA

nella foto: un momento della serata
Edoardo Mangiarotti, uno dei più grandi personaggi che lo sport italiano – e in particolare la scherma – abbia avuto, è stato ricordato, in occasione del centenario della nascita, con una serata alla Sala Buzzati di Milano, organizzata dalla sua famiglia, dalla Federazione Italiana Scherma e dalla Gazzetta dello Sport. Mangiarotti, lo sportivo azzurro più medagliato alle Olimpiadi (13, di cui sei d’oro, conquistate fra Berlino ’36 e Roma ’60), è stato anche apprezzato giornalista sportivo e, proprio sulle pagine della rosea, è stato anche “costretto” a raccontare le sue stesse imprese. Con qualche problema: come quella volta che trasmise molto tardi il suo “pezzo”, prendendosi i rimbrotti, fino alla sua giustificazione che non poteva ammettere repliche: “prima non potevo, ero in pedana e poi sul podio”.
E, proprio in questa sua veste di giornalista, ci piace ricordare che Edoardo Mangiarotti è stato socio del GLGS fino alla scomparsa, avvenuta nel 2012, a 93 anni, poco prima delle Olimpiadi di Londra.
Il Mangiarotti Day, condotto dal collega Pier Bergonzi, ha alternato ai filmati i ricordi della figlia di Edoardo, Carola, e di molti altri che lo hanno conosciuto come atleta, dirigente sportivo e, appunto, giornalista: il direttore della Gazzetta dello Sport, Andrea Monti, il presidente della Fis, Giorgio Scarso, la plurimedagliata azzurra Valentina Vezzali, la 93enne Irene Camber, oro olimpico nel fioretto a Helsinki ’52, il condirettore di Sky Sport Giovanni Bruno, Diana Bianchedi, Giancarlo Bergamini, Gianluigi Saccaro e altri ancora.
Ha portato un rapido saluto anche il presidente del Coni, Giovanni Malagò, che aveva interrotto il tour con la Commissione del Cio, che sta ispezionando i siti della candidatura Milano-Cortina per i Giochi olimpici invernali del 2026.
Prima del gran finale con molti giovani atleti del Circolo della Spada Mangiarotti sul palco, è stato anche annunciato che, d’intesa con la Federazione internazionale, al nome di Edoardo Mangiarotti è intitolato un trofeo che sarà consegnato al vincitore della medaglia d’oro di spada in ogni edizione dei campionati del mondo.
 

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MORTO MASSIMO CIUCHI, EX CAPOREDATTORE ALLA “GAZZETTA”

Si è spento nella sua abitazione di Como il collega Massimo Ciuchi, per tanti anni giornalista alla Gazzetta dello Sport dopo essere stato al Giorno e prima ancora all’Ordine di Como, dove aveva iniziato giovanissimo la sua carriera professionale