///
Mihajlovic, sulle donne un pesante autogol

Mihajlovic, sulle donne un pesante autogol

Football Soccer - AC Milan v Bologna - Italian Serie A - San Siro stadium, Milan, Italy - 06/01/16. AC Milan's coach Sinisa Mihajlovic reacts. REUTERS/Stefano RellandiniLe dichiarazioni rilasciate nei giorni scorsi dall’ormai ex tecnico del Milan Sinisa Mihajlovic (nella foto tratta da www.ilmilanista.it) – “le donne non dovrebbero parlare di calcio perché non sono adatte” – rappresentano l’ennesimo attacco a un’intera categoria di persone – e sottolineiamo “persone” – che quotidianamente parlano, lavorano o interagiscono con il mondo del pallone.
Ciò che colpisce è la leggerezza con la quale si è espresso lo stimato ed esperto allenatore serbo, quasi inconsapevole del peso specifico che assumono certe parole nell’attuale contesto mediatico. Parole che, inevitabilmente, riportano indietro l’orologio di almeno mezzo secolo.
Da rappresentanti dei giornalisti sportivi non possiamo rimanere indifferenti: la professionalità e la competenza non hanno né colori, né razze, né sesso. Un presupposto indispensabile per difendere il diritto al lavoro e alla dignità umana.
Gruppo Ussi Friuli Venezia Giulia Marco Luchetta
———————————————————————————————————–
L’Ussi nazionale condivide pienamente il contenuto del comunicato del Gruppo Ussi Friuli Venezia Giulia e si associa alla dura critica verso le parole pronunciate da Mihajlovic nei confronti delle donne.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Bizzotto: i telecronisti di ogni età prendano esempio da maestri come Martellini”

“Quando affrontai la prima telecronaca della nazionale il mio pensiero andò a lui, a quel galantuomo del Microfono che da bambino avevo sentito scandire campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo con quello stile inimitabile. Ricevere come altri grandi colleghi che magari anche più e meglio di me ne hanno ripercorso le tracce mi emoziona”: parole di Stefano Bizzotto peraltro voce – con Katia Serra al commento tecnico – del racconto della finale vinta agli Europei di Londra dalla nazionale di Mancini con l’indimenticato Vialli team manager.