///
A Milo la festa dello sport siciliano

A Milo la festa dello sport siciliano

festamiloUna festa dell’eccellenza siciliana dello sport: questa è stata la 54^ edizione dei “Premi dell’Anno” dell’Ussi, ospitata quest’anno dalla cittadina dell’Etna di Milo. L’edizione di quest’anno, organizzata dall’Ussi Sicilia insieme con il comune di Milo, è stata patrocinata da “Sport modello di vita”, un progetto ideato e promosso dall’Agenzia Nazionale per i Giovani in collaborazione con la Federazione Italiana Pallavolo, la Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali, la Federazione Ginnastica d’Italia, la Federazione Italiana Canoa Kayak, la Federazione Italiana Badminton e la Federazione Italiana Hockey. A presentare la cerimonia di consegna sono stati Umberto Teghini con Federica Zuccaro e Antonietta Licciardello.
Il premio più ambito, quello dedicato alla memoria dello storico direttore della “Gazzetta dello Sport” Candido Cannavò è andato alla squadra di calcio del Trapani e all’attaccante del Messina Giorgio Corona. Per i granata ha ritirato il premio il direttore generale Anne Marie Collart, moglie del presidente del club Vittorio Morace. Il Trapani è stato premiato per la storica promozione in serie B, la prima in oltre 100 anni di storia; al bomber, oltre che per il suoi 215 gol in 560 partite tra i professionisti in tutte le categorie, per avere contribuito a riportare il Messina nel calcio professionistico. Nelle altre categorie, particolarmente importante il premio “Manlio Graziano” al dirigente che è stato consegnato al reggente del coni regionale Giorgio Scarso, già vice presidente del Coni, presidente della Federazione Italiana e Internazionale di scherma. I premi speciali sono andati fra gli altri alla squadra di calcio del Palermo per la cavalcata trionfale che ha riportato la squadra rosanero in serie A e all’allenatore del Catania Maurizio Pellegrino, unico tecnico siciliano ad avere allenato nel massimo campionato nella stagione appena conclusa.
Milo per tutto il giorno è stata la capitale dello sport siciliano. Di mattina, in una sala gremita da circa 150 fra studenti e concorrenti, si è tenuta la premiazione del concorso riservato alle scuole “Lo sport locale si racconta”. Il concorso è stato diviso in due sezioni una riservata all’istituto comprensivo “Federico De Roberto” di Zafferana Etnea ed è stata vinta da Andrea Cosentino e Alessandra Limina (secondo posto per Rosi Di Dio e terzo, a ex aequo, Michela Puglisi ed Emanuela Cutuli). L’altra a tema “Io e lo sport”, riservata alla scuola primaria di Milo, è stata vinta da un emozionatissimo Diego Cavallaro (seconda Gloria Torretti, terzi a pari merito Andrea Di Pietro e Giada Ingrassia).
Padrino della premiazione il velocista olimpico a Sydney Alessandro Cavallaro che è stato anche il protagonista dell’incontro promosso dal progetto “Sport modello di vita”. «Bisogna praticare uno sport per capire quale strada intraprendere nella vita – ha spiegato Cavallaro – grazie allo sport si può prendere fiducia nei propri mezzi e continuare a puntare su se stessi. Lo sport educa al rispetto delle regole: bisogna prima imparare a perdere per poi imparare a vincere».
A consegnare i premi ai ragazzi l’assessore del comune di Milo Michele Patanè, il preside della scuola di Zafferana Antonino Ferraro e il sindaco di Milo Giuseppe Messina. Il comune di Milo ha anche consegnato agli atleti che hanno ispirato i lavori dei ragazzi dei riconoscimenti.
Nel pomeriggio nella sala conferenze del Centro Servizi, record di iscrizioni e partecipanti per il seminario dal titolo “Giornalismo sportivo, etica e deontologia” che ha assegnato 4 crediti formativi, di cui due su temi deontologici. Gli argomenti trattati sono stati il codice media sport; rapporti giornalista-società sportive; organizzazione dello sport in Sicilia; regolamento del gioco del calcio e il ruolo del commentatore; regolamento della cronaca sportiva nei campionati di calcio professionistici. I relatori sono stati Roberto Gueli, presidente regionale dell’Ussi, Gianfranco Troina, presidente provinciale della sezione di Catania dell’Ussi, Nino Randazzo, segretario generale regionale dell’Ussi, Giorgio Scarso, presidente della Federschema e reggente del Coni Sicilia, e Rosario Lo Bello, ex arbitro internazionale di calcio.
Da sinistra l’assessore al comune di Milo Michele Patanè, il segretario generale dell’Ussi Sicilia Nino Randazzo, l’allenatore del Catania Maurizio Pellegrino, il vicepresidente del Palermo Guglielmo Miccichè, il direttore generale del Trapani Anne Marie Collart, l’attaccante del Messina Giorgio Corona e il presidente regionale dell’Ussi Sicilia Roberto Gueli
“SPORT MODELLO DI VITA”

La 54^ edizione dei “Premi dell’Anno”, organizzata dall’Ussi Sicilia insieme con il comune di Milo, è stata patrocinata da “Sport modello di vita”, un progetto ideato e promosso dall’Agenzia Nazionale per i Giovani in collaborazione con la Federazione Italiana Pallavolo, la Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali, la Federazione Ginnastica d’Italia, la Federazione Italiana Canoa Kayak, la Federazione Italiana Badminton e la Federazione Italiana Hockey. “Sport modello di vita” è rivolto a ragazzi fra i 10 e 18 anni e propone percorsi sportivi multi-disciplinari basati su quattro valori formativi legati allo sport:
1. sport come modello di un corretto e sano stile di vita;
2. sport come inclusione sociale e rispetto del prossimo;
3. sport a tutela della salute;
4. sport come integrazione alla diversità.
PREMI DELL’ANNO 2014 USSI SICILIA

Premi dell’Anno per imprese compiute nella stagione sportiva 2013 (PREMIO CANNAVO’)
• Trapani calcio
• Giorgio Corona Messina calcio
Premio Carmelo Di Bella (al tecnico)
• Nino Molino (Basket)
• Enzo Porchi (Basket)
Premio Francesco Mannino (al giovane)
• Elios Manzi (Judo)
• Salvatore Cavallaro (Pugilato)
Premio Manlio Graziano (al dirigente)
• Giorgio Scarso (Reggente Coni Sicilia – Presidente Federscherma)
Premio Mario Giordano (al “pioniere”)
• Salvatore Di Stefano (Pattinaggio)
Premio Agostino Lo Cascio (all’arbitro)
• Nunzio Caltabiano (Pallavolo)
Premio speranza Mario Vannini (piccole società)
1. Scinà Palermo (Pallamano)
2. Kst Siracusa (Scudetto canoa polo)
3. Akragas Agrigento Volley (Pallavolo femminile)
4. Gsd Lampedusa calcio (Calcio giovanile)
Premio Luigi Prestinenza al giovane giornalista
• Dario Massara (Sky)
• Giovanni Finocchiaro (La Sicilia)
Premi Speciali
• Virtus Lampedusa calcio
• Hockey Club Universitario Catania (Hockey Prato)
• Comitato siciliano Paralimpico
• Valentino Renda alla memoria
• Francesco Scuderi alla memoria
• Palermo calcio (Per la promozione-record in serie A)
• Maurizio Pellegrino (Unico tecnico di calcio siciliano ad avere allenato scorsa stagione in A)

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

PREMIO GIORNALISTICO “LO SPORT E CHI LO RACCONTA”

E’ stato pubblicato il regolamento della quarta edizione del Premio giornalistico “Lo sport e chi lo racconta”.
Questo il tema: “Anno 2022: vittorie, sconfitte, storie, solidarietà”.
C’è tempo per inviare gli elaborati dal 10 settembre 2022 al 10 gennaio 2023. Premio di mille euro per i vincitori delle 5 sezioni previste