///
Missione compiuta: le due Nazionali a Bali 2023 per i World Beach Games

Missione compiuta: le due Nazionali a Bali 2023 per i World Beach Games

La squadra femminile (Photo by Jose Manuel Alvarez/BSWW)

Missione compiuta. Le Nazionali Maschile e Femminile si qualificano ai World Beach Games del prossimo agosto a Bali. Nella finalina per il 5° e 6° posto, i ragazzi di Del Duca superano la Francia 4-1 e si accaparrano l’ultimo posto disponibile per la fase finale dei giochi. Un super Zurlo, oggi in grande spolvero, realizza una tripletta, la seconda dopo quella della prima giornata contro la Norvegia e si porta, insieme a Gori, sulla seconda piazza dei migliori realizzatori di questa competizione con 9 reti. La finale la vince la Spagna che supera il Portogallo 6-2.

La Nazionale femminile perde 5-3 la finalina per il 3° e 4° posto, partita importante per il ranking ma che non compromette la qualificazione alla fase finale dei giochi mondiali sulla sabbia già acquisita nelle precedenti giornate. Una bella partita, l’Italia meno brillante nelle prime due frazioni di gioco e che dà il meglio di sé nell’ultimo periodo, arrivando ad un passo dal pareggio, vanificato all’ultimo minuto da un calcio da fermo realizzato dalla Spagna. Migliore in campo, la catanese Veronica Privitera e autrice di una doppietta, seconda top scorer della competizione con 5 gol in quattro partite. Il torneo femminile è vinto dall’Inghilterra che vince con l’Ucraina 3-0.

Quindi il beach soccer Azzurro esce dalla See Sicily Beach Arena di Catania a pieno bottino con le due Nazionali ai World Beach Games. Ma la stagione azzurra del beach soccer non finisce qui: tra quattro giorni a Cagliari inizia la fase finale del campionato Europeo.

Emiliano Del Duca, alla fine del match, contento ma non del tutto: “Potevano concludere questo percorso con qualche vittoria in più. Ma godiamoci questo momento: andremo in Indonesia per prenderci il trofeo. Ora mettiamo la testa sugli Europei che tra quattro giorni prenderanno il via a Cagliari. Anche lì giocheremo in casa e dovremo fare del tutto per arrivare sino in fondo”.

Soddisfatto il capo delegazione Ferdinando Arcopinto: “Felice per l’esito finale che ha visto a qualificazione di ambedue le Nazionali ai World Beach Games. Per questo, voglio ringraziare il presidente della FIGC, Gabriele Gravina per il supporto che sta dando allo sviluppo di questa disciplina, cosa che ci ha permesso di portare a termine nel migliore dei modi questa importante manifestazione. Un successo organizzativo che ha avuto la sponda locale del presidente del Catania Beach Soccer, Giuseppe Bosco. Infine, un mio ringraziamento va all’Ussi nelle persone del presidente nazionale Gianfranco Coppola e del suo presidente regionale Gaetano Rizzo per l’appoggio dato a questa meravigliosa competizione internazionale.

La squadra maschile (Photo by Jose Manuel Alvarez/BSWW)

La partita degli azzurri – Il risultato si sblocca 6’ grazie a Zurlo che si procura un rigore per atterramento e lo realizza spiazzando Salazar. La Francia tenta la reazione  che non produce particolari difficoltà agli Azzurri che controllano ben la gara ma, a loro volta, non si procurano ulteriori occasioni per raddoppiare. All’apertura della seconda frazione Carpita, subentrato a Casapieri, salva il vantaggio, intervenendo per tre volte  consecutive su tiri ravvicinati. Di lì a poco, al 3’ di gioco, Remedi suggerisce una palla deliziosa a Gori che da destra, in scivolata, mette dentro per il raddoppio. Gli Azzurri si scatenano e al 4’ vanno al tris con Zurlo che imbeccato da Carpita, si aggiusta la palla col petto e in rovesciata segna di nuovo.  Un momento di rilassatezza e i Francesi accorciano con Belhomme all’8’ ma oggi è la giornata di Zurlo: poco oltre la linea di centrocampo si alza la palla e in rovesciata batte per la quarta volta Salazar. La vittoria è Azzurra e porta a Bali per i giochi mondiali sulla spiaggia, agosto 2023.

La partita delle azzurre – Per l’Italia, inizia in salita. Le spagnole assestano un uno-due in trenta secondi grazie a un pallonetto di Natalia al 3’che supera Ruotolo e a uno scambio in area tra Manau e Cris il cui tiro gonfia la rete azzurra per la seconda volta. Finisce 2-0 il primo periodo e l’inizio della seconda frazione è scarsa di emozioni ma all’8’ l’Italia riesce a dare un pò di pressione alle avversarie, tanto che su un errato retropassaggio al portiere, si inserisce Privitera che accorcia le distanze (2-1). Ma l’illusione dura poco: 2 minuti dopo, al 10’ Jessi, in fuga sulla fascia destra, serve al centro una palla ad Andrea che indirizza il tiro verso il palo destro, irraggiungibile per Ruotolo (3-1). Passano 40 secondi e per la roha arriva il quarto gol con una bella realizzazione di Miron sotto l’incrocio dei pali che chiude il secondo periodo sul 4-1. Nell’ultima frazione di gioco arriva il meglio dell’Italia: due gol, uno di Olivieri, al 1’ di gioco e l’altro realizzato da Privitera al 6’ con un bel colpo di testa, riaprono la partita (4-3). Ma a 12 secondi della fine, per un fallo di Pisa, viene concesso un calcio da fermo che Sara Tui realizza per il definitivo 5-3.

Fonte: FIGC.IT

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.