///
Seminario: L’Eroica come strumento di racconto dello sport e del territorio

Seminario: L’Eroica come strumento di racconto dello sport e del territorio

“La bellezza della fatica e il gusto dell’impresa: L’Eroica come strumento di racconto dello sport e del territorio”.

E’ il titolo del corso, inserito nel calendario della Formazione Obbligatoria indetta dall’Odg, che avrà luogo mercoledì 21 settembre, dalle ore 9.00 alle ore 13,00, ospiti del CONI – salone d’onore a Roma – piazza Lauro de Bosis 15. Saranno 4 i crediti riconosciuti (Il corso è previsto solo in presenza).

L’Eroica è una cicloturistica d’epoca che si disputa ogni anno la prima domenica di ottobre con partenza ed arrivo a Gaiole in Chianti. Si partecipa con biciclette costruite prima del 1987, indossando maglie di lana e pedalando su strade prevalentemente bianche del Chianti e della Val d’Orcia. Negli ultimi anni L’Eroica è seguita con attenzione dalla RAI, partner dell’evento, con servizi su tutte le più importanti reti e TG. Vi partecipano circa 9000 ciclisti, di cui un buon terzo dall’estero. L’Eroica è un modello di comunicazione stampa, nei suoi 25 anni di vita ha imposto un format, ora replicato in 8 Paesi (SudAfrica, USA, Giappone, Spagna, Gran Bretagna, Olanda, Germania e Svizzera).

Dal 1997 la Comunicazione Stampa si è adattata ai mezzi, ai linguaggi, alle tempistiche ed ai destinatari che si sono man mano modificati accrescendo l’appeal verso utenti e fruitori dell’informazione sempre diversi.

Relatori: Alfredo Di Giovampaolo, giornalista Rai; Stefano Rizzato, giornalista Rai; Serena Sartini, giornalista Askanews; Giancarlo Brocci, ideatore de L’Eroica; Nicola Rosin, presidente di Eroica srl; Raffaella Masciadri, presidente Commissione Atleti CONI; Alessandra Ortenzi, docente presso Link Campus University.

Il link per l’iscrizione al corso sulla piattaforma “Formazionegiornalisti”

https://www.formazionegiornalisti.it/giornalisti/corsi/dettaglio/fbbc2e81-b41a-47fd-9399-1c9a3fc9152e

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Bizzotto: i telecronisti di ogni età prendano esempio da maestri come Martellini”

“Quando affrontai la prima telecronaca della nazionale il mio pensiero andò a lui, a quel galantuomo del Microfono che da bambino avevo sentito scandire campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo con quello stile inimitabile. Ricevere come altri grandi colleghi che magari anche più e meglio di me ne hanno ripercorso le tracce mi emoziona”: parole di Stefano Bizzotto peraltro voce – con Katia Serra al commento tecnico – del racconto della finale vinta agli Europei di Londra dalla nazionale di Mancini con l’indimenticato Vialli team manager.