///
Pedersen felicemente ultimo. In Australia, arrivando in coda a tutti, ha donato 754 euro in beneficenza

Pedersen felicemente ultimo. In Australia, arrivando in coda a tutti, ha donato 754 euro in beneficenza

di Nando Aruffo
Mads Pedersen, 24 anni, danese, è il campione del mondo professionisti su strada di ciclismo. Ha disputato la prima corsa del 2020 in Australia e si è distinto per una curiosità. Una bella straordinaria curiosità.
Di solito, nel ciclismo, chi indossa la maglia iridata è portato a partire in prima fila, a essere sempre nelle prime posizioni, a farsi vedere dal pubblico e a mettersi in bella mostra a favore delle telecamere. Al contrario Pedersen nelle sei tappe del Tour Down Under si è sempre classificato all’ultimo posto. Mancanza di allenamento? Una singolare forma di protesta?
Niente di tutto questo: alla vigilia della corsa, impressionato dagli enormi incendi che in diverse zone dell’Australia attorno a Canberra avevano disseminato morti e dolore (in un’area grande quasi un quinto dell’Italia sono stati bruciati quasi sei milioni e mezzo di ettari) aveva deciso di donare – insieme con l’amico e compagno di squadra Koen de Kort – un euro per ogni corridore che si sarebbero messi alle spalle.
Proposito affascinante ma poco redditizio, poiché i dirigenti della squadra hanno deciso di eleggere Richie Porte (poi vincitore finale) capitano, Pedersen e de Kort non avrebbero potuto lottare per vincere e pertanto hanno cambiato prospettiva: non più un euro per ogni corridore che avrebbero battuto, bensì un euro per ogni corridore che sarebbe arrivato prima di loro.
Una beneficenza a rovescio: ecco perché Pedersen è arrivato ultimo in ogni tappa, dopo aver contribuito alla vittoria di Porte andando a sottrarre i secondi di abbuono agli avversari del suo capitano.
Bilancio finale: 754 euro donati da Mads Pedersen, 133 da Koen de Kort.
Mads Pedersen, danese, ha 24 anni e corre per la Trek Segafredo diretta da Luca Guercilena. Prima di conquistare la maglia iridata nello Yorkshire battendo allo sprint il nostro Matteo Trentin il 29 settembre 2019, è arrivato secondo al Giro delle Fiandre 2018, a dodici secondi da Niki Terpstra.
(nella foto: Mads Pedersen, fonte: Trek Segafredo)

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Il racconto dello sport: i premi USSI, a Rimedio e Repice il Martellini 2024

La Sala Stampa dello Stadio Olimpico ricca di emozioni ha accompagnato la consegna del premio USSI “Lo sport e chi lo racconta”, giunto quest’anno alla sua quinta edizione. In sala anche Loredana Macchietti, regista e moglie del giornalista Gianni Minà, cui era dedicata l’edizione 2023 del concorso, i campioni di ciclismo su pista Antonio Castello e Mario Valentini e i tre primi classificati del premio USSI mentre nel ricordo di un grande maestro il Premio Nando Martellini 2024 è andato ad Alberto Rimedio e Francesco Repice voci della Nazionale e non solo per Rai Sport e Radio Rai.

Al quarto tempo di LND coi vertici del calcio anche Ussi per l’innovazione del calcio dilettantistico

Oltre 9.500 presenze, 26 convegni/panel, 110 delegati di tutti i Comitati LND d’Italia che hanno partecipato all’Agorà, 2800 studenti, giovani calciatori e calciatrici delle società dilettantistiche. Si è chiusa con questi numeri la tre giorni a Lanciano di ‘Quarto
Tempo – L’innovazione del calcio dilettantistico’. L’evento organizzato dalla Lega presieduta da Giancarlo Abete. Alla manifestazione hanno partecipato il Ministro per lo Sport, Andrea Abodi, e tutti i vertici delle componenti della Figc e della Lega Dilettanti. L’Unione Stampa Sportiva Italiana con la collaborazione del Consigliere Nazionale Walter Nerone e del Gruppo USSI Abruzzo presieduto da Giancarlo Febo è stata partner della tre gironi moderando i panel di approfondimento oltre a organizzare un corso di formazione per giornalisti con crediti dell’Ordine.