///
Il rugby italiano piange Franco Ascantini, scomparso a Roma a 86 anni

Il rugby italiano piange Franco Ascantini, scomparso a Roma a 86 anni

Il rugby italiano piange la scomparsa del Professor Franco Ascantini, avvenuta nella mattina di lunedì 21 febbraio a Roma all’età di 86 anni.

Nato a Frangeto Monforte (Benevento) nel 1935, Ascantini ha legato la sua carriera da giocatore alla Partenope Napoli, con la quale da pilone ha disputato 16 stagioni tra il 1953 e il 1969 vincendo i due storici Scudetti del 1965 e 1966.

Chiusa la carriera da giocatore era diventato allenatore riuscendo a portare Benevento in Serie A, l’allora massima serie, nel 1980. Nel mentre ha anche lavorato in ambito federale, affiancando tra il 1979 e il 1981 Pierre Villepreux alla guida della Nazionale Italiana di Rugby. Nella sua lunga esperienza da tecnico ha guidato anche altre formazioni come Fracasso San Donà, Viterbo, Calvisano, Lyon Piacenza e Arezzo, quindi dal 2006 ha lavorato da consulente per diversi altri club.

Professore di educazione fisica, ma soprattutto educatore, prima ancora che tecnico, ha contribuito in maniera fondamentale, allo sviluppo del minirugby avviando alla pratica rugbistica migliaia di bambini e bambine lungo tutta la Penisola.

La Federazione Italiana Rugby ha disposto che un minuto di silenzio venga osservato nel fine settimana sui campi di tutta Italia.

Fonte: onrugby.it

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Il racconto dello sport: i premi USSI, a Rimedio e Repice il Martellini 2024

La Sala Stampa dello Stadio Olimpico ricca di emozioni ha accompagnato la consegna del premio USSI “Lo sport e chi lo racconta”, giunto quest’anno alla sua quinta edizione. In sala anche Loredana Macchietti, regista e moglie del giornalista Gianni Minà, cui era dedicata l’edizione 2023 del concorso, i campioni di ciclismo su pista Antonio Castello e Mario Valentini e i tre primi classificati del premio USSI mentre nel ricordo di un grande maestro il Premio Nando Martellini 2024 è andato ad Alberto Rimedio e Francesco Repice voci della Nazionale e non solo per Rai Sport e Radio Rai.

Al quarto tempo di LND coi vertici del calcio anche Ussi per l’innovazione del calcio dilettantistico

Oltre 9.500 presenze, 26 convegni/panel, 110 delegati di tutti i Comitati LND d’Italia che hanno partecipato all’Agorà, 2800 studenti, giovani calciatori e calciatrici delle società dilettantistiche. Si è chiusa con questi numeri la tre giorni a Lanciano di ‘Quarto
Tempo – L’innovazione del calcio dilettantistico’. L’evento organizzato dalla Lega presieduta da Giancarlo Abete. Alla manifestazione hanno partecipato il Ministro per lo Sport, Andrea Abodi, e tutti i vertici delle componenti della Figc e della Lega Dilettanti. L’Unione Stampa Sportiva Italiana con la collaborazione del Consigliere Nazionale Walter Nerone e del Gruppo USSI Abruzzo presieduto da Giancarlo Febo è stata partner della tre gironi moderando i panel di approfondimento oltre a organizzare un corso di formazione per giornalisti con crediti dell’Ordine.