///
Il rugby italiano piange Franco Ascantini, scomparso a Roma a 86 anni

Il rugby italiano piange Franco Ascantini, scomparso a Roma a 86 anni

Il rugby italiano piange la scomparsa del Professor Franco Ascantini, avvenuta nella mattina di lunedì 21 febbraio a Roma all’età di 86 anni.

Nato a Frangeto Monforte (Benevento) nel 1935, Ascantini ha legato la sua carriera da giocatore alla Partenope Napoli, con la quale da pilone ha disputato 16 stagioni tra il 1953 e il 1969 vincendo i due storici Scudetti del 1965 e 1966.

Chiusa la carriera da giocatore era diventato allenatore riuscendo a portare Benevento in Serie A, l’allora massima serie, nel 1980. Nel mentre ha anche lavorato in ambito federale, affiancando tra il 1979 e il 1981 Pierre Villepreux alla guida della Nazionale Italiana di Rugby. Nella sua lunga esperienza da tecnico ha guidato anche altre formazioni come Fracasso San Donà, Viterbo, Calvisano, Lyon Piacenza e Arezzo, quindi dal 2006 ha lavorato da consulente per diversi altri club.

Professore di educazione fisica, ma soprattutto educatore, prima ancora che tecnico, ha contribuito in maniera fondamentale, allo sviluppo del minirugby avviando alla pratica rugbistica migliaia di bambini e bambine lungo tutta la Penisola.

La Federazione Italiana Rugby ha disposto che un minuto di silenzio venga osservato nel fine settimana sui campi di tutta Italia.

Fonte: onrugby.it

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

PREMIO GIORNALISTICO “LO SPORT E CHI LO RACCONTA”

E’ stato pubblicato il regolamento della quarta edizione del Premio giornalistico “Lo sport e chi lo racconta”.
Questo il tema: “Anno 2022: vittorie, sconfitte, storie, solidarietà”.
C’è tempo per inviare gli elaborati dal 10 settembre 2022 al 10 gennaio 2023. Premio di mille euro per i vincitori delle 5 sezioni previste

Allo Stadio Olimpico la Giornata dello Sport per la scuola primaria

Oltre 2000 bambini di classe V provenienti da tutte le Province italiane hanno partecipato oggi alla “Giornata dello sport per la scuola primaria”, una grande festa organizzata allo Stadio Olimpico di Roma e promossa dal Ministero dell’Istruzione, dal Dipartimento per lo Sport e da Sport e Salute per promuovere l’attività motoria e diffondere la cultura sportiva nella scuola primaria.