///
SFINGE D'ORO DEL 22.mo PREMIO FEDELTA' ALLO SPORT AL C.T. DEL CICLISMO MARCO VILLA

SFINGE D'ORO DEL 22.mo PREMIO FEDELTA' ALLO SPORT AL C.T. DEL CICLISMO MARCO VILLA

Il c.t.della Nazionale di ciclismo su pista che ha fatto incetta di
medaglie ai campionati del mondo: le più importanti conquistate con *Filippo
Ganna* nell’Inseguimento, oro nel 2016 a Londra e quest’anno ad Apeldoorn
nei Paesi Bassi, è nell’elenco dei premiati con la sfinge d’oro della *22ma
edizione*. La cerimonia si svolgerà lunedi 7 maggio nel corso di una cena
di Gala con 300 invitati all’Hotel Country Club di Lucca. Un premio
consegnato in passato a tanti personaggi del ciclismo, fra i quali 11
campioni del mondo.
Il nome di  *Marco Villa*  è stato sostenuto dai molti soci onorari fra i
quali *Ivano Fanini Patron di Amore & Vita – Prodir *che lo ha lanciato al
professionismo e lo ha visto difendere i colori di Amore & Vita nelle
stagioni 94 e 95, annate in cui Villa si distinse come ottimo pistard,
conquistando il *Mondiale dell’Americana *(nel 95) e numerose Sei Giorni
sempre in coppia con *Silvio Martinello*. Fra i suoi migliori risultati in
carriera spicca anche la *medaglia di bronzo olimpica a Sydney nel 2000*.
Villa si aggiunge ad un cast di eccezione con altri 4 campioni del mondo di
diverse discipline sportive fra i quali *Alberto Gilardino*, iridato a
Berlino 2006 con la nazionale italiana e a livello di club con il Milan
l’anno successivo.
Un Premio cresciuto di importanza negli anni con un albo d’oro di eccezione
che comprende campioni di ciclismo come *Eddy Merckx, Francesco Moser,
Felice Gimondi, Roger De Vlaeminck, Freddy Maertens, Bernard Hinault,
Moreno Argentin *e molti altri, ma anche 34 medaglie d’oro olimpiche fra
cui il grande *Pietro Mennea* ed altri nomi prestigiosi dello sport come *Paolo
Rossi* e il compianto *Emiliano Mondonico* scomparso recentemente. Tutti
personaggi di spessore che hanno lasciato un segno indelebile nel cuore
degli sportivi.
Per quanto riguarda il ciclismo un occhio di riguardo è sempre stato
riservato alla squadra ciclistica di Amore & Vita per la sua longevità che
ne fanno una delle più radicate a livello internazionale ed al suo patron
Fanini,uno che il ciclismo lo ama veramente tanto da diventare nel tempo un
paladino nella lotta contro il doping grazie alle sue numerose battaglie
sostenute,che hanno avuto effetti positivi contribuendo a debellare una
piaga a volte devastante.la Nazionale di ciclismo su pista che ha fatto incetta di
medaglie ai campionati del mondo: le più importanti conquistate con *Filippo
Ganna* nell’Inseguimento, oro nel 2016 a Londra e quest’anno ad Apeldoorn
nei Paesi Bassi, è nell’elenco dei premiati con la sfinge d’oro della *22ma
edizione*. La cerimonia si svolgerà lunedi 7 maggio nel corso di una cena
di Gala con 300 invitati all’Hotel Country Club di Lucca. Un premio
consegnato in passato a tanti personaggi del ciclismo, fra i quali 11
campioni del mondo.
Il nome di  *Marco Villa*  è stato sostenuto dai molti soci onorari fra i
quali *Ivano Fanini Patron di Amore & Vita – Prodir *che lo ha lanciato al
professionismo e lo ha visto difendere i colori di Amore & Vita nelle
stagioni 94 e 95, annate in cui Villa si distinse come ottimo pistard,
conquistando il *Mondiale dell’Americana *(nel 95) e numerose Sei Giorni
sempre in coppia con *Silvio Martinello*. Fra i suoi migliori risultati in
carriera spicca anche la *medaglia di bronzo olimpica a Sydney nel 2000*.
Villa si aggiunge ad un cast di eccezione con altri 4 campioni del mondo di
diverse discipline sportive fra i quali *Alberto Gilardino*, iridato a
Berlino 2006 con la nazionale italiana e a livello di club con il Milan
l’anno successivo.
Un Premio cresciuto di importanza negli anni con un albo d’oro di eccezione
che comprende campioni di ciclismo come *Eddy Merckx, Francesco Moser,
Felice Gimondi, Roger De Vlaeminck, Freddy Maertens, Bernard Hinault,
Moreno Argentin *e molti altri, ma anche 34 medaglie d’oro olimpiche fra
cui il grande *Pietro Mennea* ed altri nomi prestigiosi dello sport come *Paolo
Rossi* e il compianto *Emiliano Mondonico* scomparso recentemente. Tutti
personaggi di spessore che hanno lasciato un segno indelebile nel cuore
degli sportivi.
Per quanto riguarda il ciclismo un occhio di riguardo è sempre stato
riservato alla squadra ciclistica di Amore & Vita per la sua longevità che
ne fanno una delle più radicate a livello internazionale ed al suo patron
Fanini,uno che il ciclismo lo ama veramente tanto da diventare nel tempo un
paladino nella lotta contro il doping grazie alle sue numerose battaglie
sostenute,che hanno avuto effetti positivi contribuendo a debellare una
piaga a volte devastante.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Tutto pronto per il Congresso AIPS, aperto dall’intervento di Ceferin

Una sessione speciale intitolata “L’AIPS incontra Aleksander Čeferin” aprirà l’84° Congresso Elettivo AIPS il 3 ottobre 2022. Il Presidente UEFA ha confermato la sua presenza per un’ora di conversazione che sarà moderata dal Presidente AIPS Gianni Merlo presso il TH – Carpegna Palace Hotel di Roma.
Nella news il programma dei lavori.

Andrea Santoni penna azzurra

L’ex Segretario Generale Ussi e prima firma del Corriere dello Sport-Stadio, Andrea Santoni, premiato oggi dal Presidente Figc Gabriele Gravina e dal CT Roberto Mancini, per l’ultima partita al seguito degli azzurri prima della pensione.