///
SFINGE D'ORO DEL 22.mo PREMIO FEDELTA' ALLO SPORT AL C.T. DEL CICLISMO MARCO VILLA

SFINGE D'ORO DEL 22.mo PREMIO FEDELTA' ALLO SPORT AL C.T. DEL CICLISMO MARCO VILLA

Il c.t.della Nazionale di ciclismo su pista che ha fatto incetta di
medaglie ai campionati del mondo: le più importanti conquistate con *Filippo
Ganna* nell’Inseguimento, oro nel 2016 a Londra e quest’anno ad Apeldoorn
nei Paesi Bassi, è nell’elenco dei premiati con la sfinge d’oro della *22ma
edizione*. La cerimonia si svolgerà lunedi 7 maggio nel corso di una cena
di Gala con 300 invitati all’Hotel Country Club di Lucca. Un premio
consegnato in passato a tanti personaggi del ciclismo, fra i quali 11
campioni del mondo.
Il nome di  *Marco Villa*  è stato sostenuto dai molti soci onorari fra i
quali *Ivano Fanini Patron di Amore & Vita – Prodir *che lo ha lanciato al
professionismo e lo ha visto difendere i colori di Amore & Vita nelle
stagioni 94 e 95, annate in cui Villa si distinse come ottimo pistard,
conquistando il *Mondiale dell’Americana *(nel 95) e numerose Sei Giorni
sempre in coppia con *Silvio Martinello*. Fra i suoi migliori risultati in
carriera spicca anche la *medaglia di bronzo olimpica a Sydney nel 2000*.
Villa si aggiunge ad un cast di eccezione con altri 4 campioni del mondo di
diverse discipline sportive fra i quali *Alberto Gilardino*, iridato a
Berlino 2006 con la nazionale italiana e a livello di club con il Milan
l’anno successivo.
Un Premio cresciuto di importanza negli anni con un albo d’oro di eccezione
che comprende campioni di ciclismo come *Eddy Merckx, Francesco Moser,
Felice Gimondi, Roger De Vlaeminck, Freddy Maertens, Bernard Hinault,
Moreno Argentin *e molti altri, ma anche 34 medaglie d’oro olimpiche fra
cui il grande *Pietro Mennea* ed altri nomi prestigiosi dello sport come *Paolo
Rossi* e il compianto *Emiliano Mondonico* scomparso recentemente. Tutti
personaggi di spessore che hanno lasciato un segno indelebile nel cuore
degli sportivi.
Per quanto riguarda il ciclismo un occhio di riguardo è sempre stato
riservato alla squadra ciclistica di Amore & Vita per la sua longevità che
ne fanno una delle più radicate a livello internazionale ed al suo patron
Fanini,uno che il ciclismo lo ama veramente tanto da diventare nel tempo un
paladino nella lotta contro il doping grazie alle sue numerose battaglie
sostenute,che hanno avuto effetti positivi contribuendo a debellare una
piaga a volte devastante.la Nazionale di ciclismo su pista che ha fatto incetta di
medaglie ai campionati del mondo: le più importanti conquistate con *Filippo
Ganna* nell’Inseguimento, oro nel 2016 a Londra e quest’anno ad Apeldoorn
nei Paesi Bassi, è nell’elenco dei premiati con la sfinge d’oro della *22ma
edizione*. La cerimonia si svolgerà lunedi 7 maggio nel corso di una cena
di Gala con 300 invitati all’Hotel Country Club di Lucca. Un premio
consegnato in passato a tanti personaggi del ciclismo, fra i quali 11
campioni del mondo.
Il nome di  *Marco Villa*  è stato sostenuto dai molti soci onorari fra i
quali *Ivano Fanini Patron di Amore & Vita – Prodir *che lo ha lanciato al
professionismo e lo ha visto difendere i colori di Amore & Vita nelle
stagioni 94 e 95, annate in cui Villa si distinse come ottimo pistard,
conquistando il *Mondiale dell’Americana *(nel 95) e numerose Sei Giorni
sempre in coppia con *Silvio Martinello*. Fra i suoi migliori risultati in
carriera spicca anche la *medaglia di bronzo olimpica a Sydney nel 2000*.
Villa si aggiunge ad un cast di eccezione con altri 4 campioni del mondo di
diverse discipline sportive fra i quali *Alberto Gilardino*, iridato a
Berlino 2006 con la nazionale italiana e a livello di club con il Milan
l’anno successivo.
Un Premio cresciuto di importanza negli anni con un albo d’oro di eccezione
che comprende campioni di ciclismo come *Eddy Merckx, Francesco Moser,
Felice Gimondi, Roger De Vlaeminck, Freddy Maertens, Bernard Hinault,
Moreno Argentin *e molti altri, ma anche 34 medaglie d’oro olimpiche fra
cui il grande *Pietro Mennea* ed altri nomi prestigiosi dello sport come *Paolo
Rossi* e il compianto *Emiliano Mondonico* scomparso recentemente. Tutti
personaggi di spessore che hanno lasciato un segno indelebile nel cuore
degli sportivi.
Per quanto riguarda il ciclismo un occhio di riguardo è sempre stato
riservato alla squadra ciclistica di Amore & Vita per la sua longevità che
ne fanno una delle più radicate a livello internazionale ed al suo patron
Fanini,uno che il ciclismo lo ama veramente tanto da diventare nel tempo un
paladino nella lotta contro il doping grazie alle sue numerose battaglie
sostenute,che hanno avuto effetti positivi contribuendo a debellare una
piaga a volte devastante.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

E’ di 24 medaglie il bottino italiano agli europei di Atletica Roma 2024. Il futuro ora è a Parigi 2024

Conclusi i Campionati europei di Atletica. Al Quirinale, il presidente Sergio Mattarella dà luogo alla cerimonia di consegna della Bandiera agli atleti italiani in partenza per i Giochi Olimpici e Paralimpici di Parigi 2024 con il Presidente del Coni Giovanni Malagò e il Presidente del Cip Luca Pancalli. Gli alfieri della squadra olimpica e paralimpica che rappresenteranno l’Italia alle prossime Olimpiadi e Paralimpiadi di Parigi sono Arianna Errigo e Gianmarco Tamberi e della squadra Paralimpica Luca Mazzone e Ambra Sabatini.

The Coach Experience: a Rimini la tavola rotonda “Costruzione dal basso”

Alla Fiera di Rimini, nell’ambito dell’evento dedicato ai tecnici del mondo del calcio “The Coach Experience”, la tavola rotonda dal titolo “Costruzione dal basso” ha visto la presentazione della proposta di “progetto tecnico-sportivo” elaborata dalle Associazioni di categoria dei Tecnici e dei Calciatori.

“Giampiero Galeazzi, un grande maestro!” 

Al Chia Laguna resort, la terza edizione del Memorial Giampiero Galeazzi, curata dall’Ussi in partecipazione con Coni, Msp, Odg, CraRegione e le associazioni sportive Aiace e Mediterranea, ha colto nel segno.