///
Si conclude il corso ‘pilota’ per tecnici di beach soccer. Del Duca: “Passo fondamentale per la crescita del movimento”

Si conclude il corso ‘pilota’ per tecnici di beach soccer. Del Duca: “Passo fondamentale per la crescita del movimento”

Si è concluso oggi, sabato 29 gennaio, il corso ‘pilota’ per allenatori di beach soccer, nato da un impulso del Club Italia e che è stato raccolto, senza esitazioni, dal Settore Tecnico della Figc.
Un corso pilota che in realtà, più appropriatamente, potrebbe essere definito come un ‘super corso’ di questo sport, considerando che gli ‘allievi’ sono già grandi cultori della disciplina. Coordinati dal Ct della Nazionale italiana, Emiliano Del Duca, gli undici esperti – in otto giorni, per ottanta ore di lavoro complessive tra aula e campo (quest’ultimo allestito circa anno fa al Centro di preparazione olimpica di Tirrenia e che a metà febbraio sarà anche dotato di una copertura per l’attività invernale: un investimento del Coni per una disciplina candidata a diventare olimpica) – hanno prodotto i materiali necessari per affrontare la futura didattica dei corsi, che diplomeranno i primi allenatori di questo sport. Un ‘investimento formativo’ che la Figc ha voluto fare per una disciplina che molte soddisfazioni ha regalato a tutto il movimento del calcio sulla sabbia, grazie alle vittorie della sua Nazionale, campione d’Europa nel 2018 e vicecampione mondiale nel 2008 e nel 2019. Un ulteriore passo, che fa seguito alle recenti novità introdotte con la formazione della Nazionale femminile, con il campionato nazionale Under 20 organizzato dalla LND e, infine, attraverso il Settore Giovanile e Scolastico Figc, con l’inserimento di questa pratica sportiva nell’attività di base.
La volontà e l’impegno sono quelli di dare una dignità a sé stante alla formazione e all’insegnamento del beach soccer, riconoscendo alla pratica la sua peculiarità – data da terreno di gioco, dimensione del campo e tempi di gara – con corsi che saranno parte integrante dell’offerta formativa del Settore Tecnico.
“Il nostro obiettivo – aveva dichiarato il presidente del Settore Tecnico, Demetrio Albertini, aprendo i lavori del corso lo scorso 10 gennaio – è fornire gli strumenti migliori possibili per ‘formare i formatori’ e, di conseguenza, far crescere sempre di più i nostri giocatori”. Il gruppo di lavoro – costituito da undici elementi, tra i maggiori esperti della disciplina, in gran parte allenatori delle migliori squadre del campionato – nel prossimo futuro rappresenterà il corpo docente di questi corsi riconosciuti dal Settore Tecnico che, per la prima volta nella storia, formeranno gli allenatori di beach soccer.
Un vero e proprio ‘lavoro di squadra’ che, grazie alla collaborazione sul campo di giocatori del calibro di Gabriele Gori (il più prolifico realizzatore di sempre con più di 300 gol in Azzurro al suo attivo), ha prodotto un inedito ed innovativo materiale multimediale, utile per illustrare ai futuri corsisti schemi di gioco ed esempi di tecnica individuale. È stata costruita, quindi, la proposta didattica che nel futuro si porrà come punto di riferimento per l’apprendimento e lo studio della disciplina del beach soccer, anche oltre i confini nazionali.
“Un passo decisivo – ha dichiarato il Ct della Nazionale italiana di beach soccer, Emiliano Del Duca, coordinatore di questo corso ‘pilota’ – per la crescita di tutto il movimento, un investimento che la Figc ha messo in campo per dare spessore alla formazione e per dare i giusti strumenti a chi, nel futuro, vorrà intraprendere la carriera dell’allenatore. Sono molto soddisfatto del lavoro che abbiamo svolto in questi giorni: è stata trovata la sintesi grazie al lavoro di una squadra composta da alcune delle migliori energie tecniche del beach soccer nazionale”.
L’ultimo commento è di Ferdinando Arcopinto, capo delegazione delle due Nazionali, maschile e femminile, che ha dato impulso e supporto operativo all’iniziativa: “Un’esperienza inedita, realizzata grazie alla volontà della Federazione e del suo Settore Tecnico, che ha dato i migliori contenuti ai prossimi corsi per allenatori. Un ringraziamento va al direttore della Scuola Allenatori federale, Renzo Ulivieri, che si è subito appassionato all’iniziativa e al cui buon esito ha contribuito con la sua grande esperienza e con preziosi suggerimenti”.
 
Di seguito, l’elenco completo degli undici componenti del gruppo di lavoro: 
il coordinatore, Emiliano Del Duca, Ct della Nazionale maschile e di quella femminile di beach soccer;

Paolo La Rocca, preparatore atletico della Nazionale di beach soccer;
Michele Leghissa, match analyst della Nazionale di beach soccer;
Ciro Ambrosetti, allenatore Napoli BS;
Francesco Corosiniti responsabile del Centro Federale Territoriale di Catanzaro; capitano, fino allo scorso anno, della Nazionale, campione europeo nel 2018 e vice campione mondiale nel 2008 e 2019;
Massimiliano De Celis, allenatore di beach soccer con esperienze internazionali;
Oliviero Di Lorenzo, allenatore Sambenedettese BS;
Nicola Lami, allenatore Pisa BS, squadra vincitrice dell’ultimo campionato italiano;
Matteo Marrucci, allenatore Catania BS;
Stefano Santini, allenatore Viareggio BS;
Mauro Siotto, preparatore dei portieri Pisa BS.
 
FONTE FIGC

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.

Fondazione Allianz UMANA MENTE e Hol4All, una vacanza per tutti sulla neve di La Thuile

La Fondazione Allianz UMANA MENTE, principale espressione delle iniziative di responsabilità sociale del Gruppo Allianz in Italia, ha organizzato dal 20 al 24 marzo a La Thuile in Valle d’Aosta la nuova sessione di Hol4All, forma sintetica di “Holiday for All – una vacanza per tutti”, un progetto di integrazione e partecipazione sociale ideato per offrire una vacanza a bambini e ragazzi con una disabilità complessa o malattie rare, insieme alle loro famiglie.

Hol4All è un progetto avviato per la prima volta nel 2021 e nato dall’incontro tra famiglie con figli con disabilità e gli oltre 20 anni di esperienza della Fondazione Allianz UMANA MENTE. Hol4All risponde agli obiettivi 3 (Salute e benessere) e 10 (Ridurre le disuguaglianze) definiti dalle Nazioni Unite per uno sviluppo sostenibile (SDGs).