///
INSIEME PER MIGLIORARE LA QUALITA’ DELLA VITA: C’E’ ANCHE USSI

INSIEME PER MIGLIORARE LA QUALITA’ DELLA VITA: C’E’ ANCHE USSI

SPORTCITY DAY: Il 17 SETTEMBRE L’ITALIA SI TRASFORMA IN UNA GRANDE PALESTRA A CIELO APERTO-SPORT LIBERO PER TUTTI NELLE PIAZZE E NEI PARCHI DI 140 CITTÀ, SENZA DISTINZIONI DI ETÀ, DI GENERE. INSIEME PER MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA NELLE NOSTRE CITTÀ.

Terza edizione della manifestazione ideata dalla Fondazione Sportcity che ha dato il via alla ‘rivoluzione dolce’ per un nuovo modo di intendere e vivere la cultura del movimento -Oltre 200.000 cittadini di ogni età potranno cimentarsi liberamente in tantissime attività sportive. L’Unione Stampa Sportiva Italiana collabora alla diffusione della cultura dello sport al fianco della Fondazione sul territorio nazionale.

Il D-Day è ormai alle porte, domenica 17 settembre in 140 città è in programma la terza edizione dello Sportcity Day, un momento unico e straordinario che permetterà a migliaia di persone in tutta Italia, da nord a sud, di fare sport liberamente nelle piazze, nelle strade e nei parchi dei centri urbani. Un’offerta variegata e completa permetterà ad oltre 200.000 cittadini di cimentarsi gratuitamente in tantissime attività sportive.

Il successo e la risonanza mediatica dello Sportcity Day sono racchiusi nei numeri, che sono esplicativi più di ogni parola. Nel 2021 le città che aderirono allo Sportcity Day furono 19, che aumentarono in maniera esponenziale nel 2022 arrivando a 35. Quest’anno la crescita ha visto aderire alla manifestazione ben 140 Comuni, record assoluto per l’Italia per quel che concerne lo svolgimento contemporaneo da nord a sud di un evento sportivo. L’intero Stivale diventerà una palestra a cielo aperto dove lo sport ed il benessere saranno un unico comun denominatore.

Una strada percorsa in fretta quella tracciata dalla Fondazione Sportcity che in poco tempo ha realizzato un evento dai contorni unici, che travalica l’aspetto meramente sportivo e sociale, per assurgere a vera e propria ‘rivoluzione dolce’ del modo di intendere il benessere e la cultura del movimento dei cittadini.

È davvero il vento che non si ferma con le mani, ed un bellissimo segnale per il nostro paese.

La Fondazione Sportcity due anni fa ha dato vita ad un progetto, ritenuto dai più folle e visionario, ma che in poco tempo ha conquistato e coinvolto amministratori, operatori dello sport, uomini e donne di cultura, semplici cittadini.

Un popolo in continua crescita che ha sposato la filosofia del benessere fisico e della riappropriazione degli spazi cittadini per poter praticare l’attività più consona alle proprie attitudini e per trascorrere all’aria aperta una giornata durante la quale, oltre a fare sport, sarà possibile socializzare e condividere le stesse passioni sposando la cultura della sostenibilità e della educazione ambientale.

Dall’alba al tramonto, sotto l’attenta guida di tecnici qualificati, operatori degli Enti di Promozione e di società sportive che metteranno a disposizione la loro esperienza, sarà consentito a tutti di scegliere l’attività più consona ai propri gusti, all’età e allo stato di forma, per poi poterla praticare anche nei giorni successivi riappropriandosi di alcuni spazi urbani dei propri territori.

Il successo dello Sportcity Day non sarebbe stato possibile senza il fattivo e concreto sostegno dei Comuni e dei nuovi stakeholders dello sport, che hanno fatta propria la nuova idea sportiva proposta dalla Fondazione Sportcity e dal suo presidente Fabio Pagliara, permettendo, al di là di ogni aspettativa, la rapida diffusione del progetto.

“Ci riempie d’orgoglio-sottolinea il presidente della Fondazione Sportcity Fabio Pagliara-vedere sbocciare il nostro progetto e soprattutto vedere l’entusiastica adesione di un numero sempre crescente di Comuni, di istituzioni e dei nuovi stakeholders dello Sport, del benessere e della qualità della vita. È davvero il vento che non si ferma con le mani, ed un bellissimo segnale per il nostro paese. Ritengo che il meeting di Salsomaggiore abbia costituito una sorta di svolta filosofica sul modo di intendere la attività fisica e la cultura del movimento, a tutti i livelli. Siamo riusciti in quell’occasione, attraverso gli interventi di autorevoli figure, di operatori sportivi e di amministratori, a lanciare un modello positivo, inclusivo e innovativo. Non occupando spazi ma…creando spazi. Da quei due giorni di confronto e dalla Carta di Salsomaggiore è davvero nata una straordinaria consapevolezza in tutti gli attori. Senza protagonismi ma con la reale voglia di cambiare in meglio città e cittadini. Credo che la data 17 settembre possa essere un momento storico, un nuovo punto di partenza a cui far riferimento “.

Fondazione Sportcity: https://fondazionesportcity.it/

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.