///
“Tutta colpa di Brera”, seminario a Cagliari

“Tutta colpa di Brera”, seminario a Cagliari

Si è tenuto a Cagliari il secondo seminario formativo organizzato dall’Ussi Sardegna in attuazione del piano di formazione continua obbligatoria per i giornalisti. Il corso ha avuto per relatrice la professoressa Elisabetta Gola (nella foto con Mario Frongia, presidente dell’Ussi Sardegna), presidente del corso di laurea in Scienze della comunicazione dell’Università di Cagliari.
“Tutta colpa di Brera” (precursore di alcuni termini di giornalismo sportivo-calcistico che oggi fanno parte nel vocabolario di base), contaminazione tra i linguaggi, linee guida web writing, giornalismo cartaceo e giornalismo web e social network, sono stati alcuni degli argomenti trattati. Sono stati inoltre approfonditi altri argomenti inerenti la professione giornalistica. Tra questi, l’aspetto stilistico e qualitativo, con particolare attenzione ai vari tipi di scrittura e ai pubblici di riferimento.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Epifania in padel, tra giornalismo e memoria

L’Ussi a tutto campo al Club Santa Lucia di Cagliari. Cronisti, politici e amministratori hanno ricordato Renato Scanu, collega di Carbonia, alle prese con la Sla dal 2019, deceduto lo scorso dicembre a 59 anni.

Anche l’Ussi in campo per la donazione degli organi

La Giornata nazionale del Sì curata dall’Aido. Lo sport, i cronisti, i volontari e la generosità dei sardi. L’esperienza del capitano del Cagliari campione d’Italia, Beppe Tomasini. E il supporto del presidente nazionale Gianfranco Coppola

A Pietro Paolo Virdis il Premio Renato Raccis

L’ex centravanti del Milan e del Cagliari riceve il riconoscimento istituito dal comune di Mandas per il centenario del primo bomber sardo in serie A. La cerimonia si svolge nella sede del Coni Lombardia a Milano con la partecipazione di Giorgio e Donatella, i figli del calciatore scomparso, del presidente dell’Ussi, Gianfranco Coppola, degli assessori regionali Gianni Chessa e Anita Pili, del vicepresidente della Società di storia dello sport, Sergio Giuntini.