///
TV-CINEMA E CRONACA SPORTIVA: SEMINARIO GLGS

TV-CINEMA E CRONACA SPORTIVA: SEMINARIO GLGS

foto: a sinistra il presidente del GLGS-USSILOMBARDIA Gabriele Tacchini
Milano 24 ottobre 2017 – Di come fare “La cronaca sportiva sul piccolo e grande schermo” si è parlato questa mattina presso la sede del Coni Lombardia, in via Piranesi a Milano, in un seminario per la formazione professionale continua organizzato dal GLGS-USSI Lombardia in collaborazione con la FITCS (Federation Internationale Television Cinema Sportifs). Statistiche, filmati, esperienze  e “istruzioni” di lavoro telesportivo, oltre al racconto di storie minori di vita sportiva, hanno offerto un ampio panorama del tema in discussione.
Gli interventi sono stati introdotti da Gabriele Tacchini, presidente del Gruppo Lombardo Giornalisti Sportivi. La storia dello stretto connubio tra sport, cinema e tv – e della sua continua evoluzione – è stata tracciata dal prof. Franco Ascani, presidente della FITCS e membro della Commissione Cultura e Patrimonio Olimpico del CIO. Ascani, che ha portato al convegno diversi filmati storici e attuali di particolare interesse, ha ricordato la contemporaneità della nascita di cinema e Olimpiadi moderne, e che nel mondo ci sono oggi ben 1725 canali tv dedicati solo allo sport.
Della sua esperienza di “creatore” di tv sportive di successo in ambito territoriale e poi nazionale ha parlato Fabio Ravezzani, responsabile sport di Telelombardia, Antenna 3 e Top Calcio 24 (Gruppo Mediapason). Claudio Arrigoni, ex direttore di Tele+ e Gazzetta TV e giornalista specializzato nello sport paralimpico, si è soffermato sulle tecniche e sul linguaggio della telecronaca sportiva. Infine Marco Pastonesi, ex editorialista della Gazzetta dello Sport appassionato di ciclismo e rugby,  che ha emozionato e divertito gli ascoltatori con storie raccontate da un inviato che ha sempre preferito cercare i personaggi “minori” sullo sfondo delle grandi scene sportive.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.