///
Ussi e il racconto dello sport dopo caso Portanova

Ussi e il racconto dello sport dopo caso Portanova

Un gol serve per determinare un risultato, ma non è mai un modo per far tacere polemiche. Soprattutto non cancella un episodio di violenza di genere con sentenza di condanna, in primo grado, pronunciata nei confronti di Manolo Portanova, autore della “rete meravigliosa che silenzia tutte le polemiche”, come l’ha definita Nicola Zanarini nella radiocronaca su Radio Rai di Gesto impulsivo e fuori luogo ha commentato lo stesso collega. Prendendo atto delle scuse sui suoi profili social, Ussi evidenzia come il racconto dello sport sia racconto di pezzi di vita e ribadisce la contrarietà di una narrazione dello sport in contrasto coi principi contenuti nell’articolo 5 bis del testo unico deontologico e nel Manifesto di Venezia, ribadendo che le parole servono per eliminare la violenza di genere e mai per giustificarla o sminuirla. La Rai da sempre attenta a temi e linguaggi così delicati ha avviato un’indagine interna.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Bizzotto: i telecronisti di ogni età prendano esempio da maestri come Martellini”

“Quando affrontai la prima telecronaca della nazionale il mio pensiero andò a lui, a quel galantuomo del Microfono che da bambino avevo sentito scandire campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo con quello stile inimitabile. Ricevere come altri grandi colleghi che magari anche più e meglio di me ne hanno ripercorso le tracce mi emoziona”: parole di Stefano Bizzotto peraltro voce – con Katia Serra al commento tecnico – del racconto della finale vinta agli Europei di Londra dalla nazionale di Mancini con l’indimenticato Vialli team manager.