///
USSI in casa Federciclismo per il racconto dello sport più popolare

USSI in casa Federciclismo per il racconto dello sport più popolare

Il Segretario Generale della Federciclismo, Marcello Tolu, con il Presidente USSI, Gianfranco Coppola

Lunedì 19 dicembre si è svolto a Roma un cordialissimo incontro nella sede della Federazione Ciclistica Italiana tra il Presidente USSI, Gianfranco Coppola, e il Segretario Generale FCI, Marcello Tolu.

Il racconto dello sport passa necessariamente per la disciplina più popolare in assoluto: il ciclismo. Una magia che si ripete da oltre 100 anni e che vede la gente emozionata al passaggio della carovana. Il ciclismo è l’unico sport dove per vedere i più grandi campioni non si paga ma basta aspettare il fruscio delle pedivelle e poi confondersi tra i colori delle maglie per vivere un’atmosfera straordinaria.

Recentemente le lunghe riprese televisive, frutto di una tecnologia sempre più avanzata, e l’apporto dei social media, hanno fatto del ciclismo lo sport più forte nella promozione dei territori. Queste le sfide di una disciplina che affonda le radici nell’antichità e che mai perde il suo fascino.

Ne hanno parlato all’insegna della passione il Presidente USSI e il Segretario Generale che ha donato all’associazione la maglia celebrativa della meravigliosa squadra che ha vinto l’inseguimento a squadre ai Giochi Olimpici di Tokyo, un quartetto ormai da leggenda, mentre il gagliardetto per i 75 anni di fondazione ora campeggia nella sede della Federciclismo.

USSI affiancherà FCI sul territorio italiano, nelle regioni, per lanciare in maniera sempre più forte i temi legati alla bici, dallo sviluppo sul piano agonistico alla sicurezza.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Bizzotto: i telecronisti di ogni età prendano esempio da maestri come Martellini”

“Quando affrontai la prima telecronaca della nazionale il mio pensiero andò a lui, a quel galantuomo del Microfono che da bambino avevo sentito scandire campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo con quello stile inimitabile. Ricevere come altri grandi colleghi che magari anche più e meglio di me ne hanno ripercorso le tracce mi emoziona”: parole di Stefano Bizzotto peraltro voce – con Katia Serra al commento tecnico – del racconto della finale vinta agli Europei di Londra dalla nazionale di Mancini con l’indimenticato Vialli team manager.