///
Qatar 2022: un mondiale sicuramente da ricordare

Qatar 2022: un mondiale sicuramente da ricordare

Andrea Riscassi

Proseguono le testimonianze sul discusso campionato mondiale di calcio disputato in Qatar. Oggi ospitiamo il pezzo di Andrea Riscassi, che ha seguito l’evento come inviato di Rai Sport.

di Andrea Riscassi – Inviato di Rai Sport

È tempo di bilanci, ovviamente personali e provvisori come tutte le cose che mi riguardano (e che contraddistinguono la mia professione e anche il mio carattere). Il mese in Qatar è stato lungo e faticoso, ma interessante. Da ogni cosa si impara sempre come ci siamo detti con Donatella Scarnati, salutandoci. Per lei era l’ultimo Mondiale (quanto mancherà!). Per me, malgrado la veneranda età, il primo. Perché fino a due lustri fa mi occupavo di quelli ora accusati di incassare bustarelle proprio per parlare bene del Qatar. Non posso dire di essermi trovato male, ma difficilmente ci tornerei. A differenza di molti altri paesi arabi dove sono stato. Mi è sembrato tutto troppo artefatto, eccessivo. Aria condizionata a palla. Anche negli stadi, persino di sera, quando fuori si stava bene. Perché? E di giocatori raffreddati se ne sono avuti a mazzetti. Ma i regimi (come quello russo o cinese dove si sono svolte precedenti manifestazioni sportive mondiali) sono impermeabili a critiche e voci dissonanti. Ero in sala quando Infantino, nella conferenza stampa di chiusura del Mondiale, ha detto che la gente in quei 90 minuti di gara non vuole polemiche, non vuole rotture di coglioni. E ho pensato agli amici della curva (che qui senza la birra sarebbero impazziti) che vivono aspettando la partita. Che in quei 90 minuti si trasformano in altre persone (a volte facendo enormi cazzate). Ma che hanno un cuore così e che i morti sul lavoro per costruire quegli stadi qatarini non li hanno scordati nemmeno pestando a sangue sui tamburi.
Infantino ha parlato anche dell’apertura del mondo arabo verso di noi e viceversa per chi è venuto qui. Qualche passo avanti ci sarà stato. Ma in questo mese ho avuto modo solo di parlare con immigrati, mai con nessun qatarino (sono solo un decimo della popolazione). Non penso sia un caso. L’immagine che accompagna questo post riassume questa esperienza: due rette parallele che per un mese hanno marciato sugli stessi binari. Ho però l’impressione che le stazioni di arrivo siano ancora ben diverse. Perché coi soldi puoi comprare il consenso e la sede dei Mondiali. Ma non bastano neanche a fare un punto ai gironi di Qualificazione.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Ussi e libertà di stampa, due sentenze esemplari 

Conferenze stampa con limitazioni contrarie al protocollo Ussi – Lega Serie A, che garantiscono a tutti i giornalisti il libero accesso alle fonti  e il contradditorio con i tesserati: l’Unione Stampa Sportiva Italiana come da mission segnala quanto attiene al lavoro dei giornalisti e giornalisti per immagini ma anche le inosservanze ai regolamenti varati dalla Lega serie A da parte delle società. Le condizioni di lavoro alla vigilia della fase agonistica della nuova stagione di fatto già scattata chiedono attenzione e decisioni non unilaterali.

Addio a Marcello Lazzerini gentiluomo della Rai

E’ morto a 86 anni il giornalista e scrittore fiorentino Marcello Lazzerini. Come ricorda l’Ast in una nota in cui esprime cordoglio, Lazzerini era stato cronista de L’Unità fin dagli anni Sessanta e poi era passato alla Rai divenendo “un ottimo telecronista e radiocronista perfino di ‘Tutto il calcio minuto per minuto’, con Enrico Ameri e Sandro Ciotti. Otteneva ascolti e considerazione raccontando la Fiorentina”. Fu anche scrittore e vinse il Bancarella sport.

Federica Cappelletti confermata alla guida della Divisione Serie A Femminile Professionistica. Gravina: “Consolidati i progetti intrapresi”

Federica Cappelletti, in carica dal 29 giugno 2023, è stata confermata presidente della Divisione Serie A Femminile Professionistica. L’Assemblea della Serie A Femminile ha inoltre nominato i quattro consiglieri: Carlo Maria Stigliano sarà il vicepresidente, in un Consiglio Direttivo composto anche da Stefano Braghin, Elena Turra e Ilaria Pasqui, quest’ultima in qualità di consigliere indipendente.

Alla Divisione Serie A Femminile Professionistica, anche per la stagione sportiva 2024-25, è demandata l’organizzazione del campionato di Serie A – del quale oggi è stato reso noto il calendario della nuova stagione -, della Coppa Italia, della Supercoppa Italiana e del campionato Primavera 1. “Auguri di buon lavoro a Federica Cappelletti per il rinnovo del suo incarico, che testimonia la bontà del lavoro svolto nell’ultimo anno – il commento del presidente della FIGC, Gabriele Gravina -. La sua conferma alla guida della Divisione aiuta a consolidare i progetti intrapresi insieme alla Federazione per lo sviluppo del movimento femminile: un lavoro sinergico finalizzato tanto alla base, e all’incremento del numero delle tesserate, quanto al vertice, con le calciatrici dei club di Serie A Femminile che si apprestano a iniziare la loro terza stagione con lo status di professioniste”.

PARTITI UFFICIALMENTE I CAMPIONATI MONDIALI MASTER con la Cerimonia di apertura alla Nuova Fiera di Roma

Un Mondiale all’insegna della Pace e dell’inclusione. Oltre 6.100 atleti, provenienti da 110 Paesi e dai 5 Continenti, tra questi anche i Paesi attualmente in conflitto: Ucraina, Russia, Palentina e Israele. Tutti con il grande obiettivo di condividere, attraverso lo sport, un dialogo di unione. Il Master, riservato agli over 40 vede la partecipazione attiva di ultranovantenni ed una centenaria americana di origine cinese. Ieri sera la spettacolare ed emozionante Cerimonia di Apertura che ha dato il via ufficiale presso la Nuova Fiera di Roma, agli ITTF World Masters Table Tennis Championships Roma 2024 – presented by Stag Global, davanti a cinquemila spettatori.