///
Ussi su vicenda Lopez: ribadito ruolo della sinergia istituzionale

Ussi su vicenda Lopez: ribadito ruolo della sinergia istituzionale

Dopo alcuni giorni di tensione è stata ricomposta come era logico la vicenda che ha coinvolto il consigliere nazionale Ussi, Antonio Lopez, da anni apprezzatissimo collega della sede regionale della Rai Calabria, voce e volto di trasparente correttezza ed imparzialità.

Le polemiche sorte dopo il derby e i commenti per gli incidenti post partita Cosenza-Catanzaro sono state sigillate con azione comune e ora le posizioni sono state spostate in un campo largo che nulla ha a che vedere con la cronaca sportiva, quanto la presenza sul territorio della Rai.

La presenza di Antonio in postazione radio per “Tutto il calcio minuto per minuto” ha avuto un valore ancora più simbolico considerando che in cabina con lui c’era il bravissimo capo redattore di Rai Calabria Riccardo Giacoia, non solo figlio d’arte, ma discendente di un cantore dello sport e di quello calabrese in particolare come Emanuele, indimenticata voce e straordinario professionista.

Ci è stato rivolto l’invito a non alimentare magari involontariamente con posizioni ufficiali alla vigilia di Catanzaro-Reggiana esponendo ancor più il collega al fuoco dei vari canali social.

E’ però adesso l’occasione per evidenziare il tempestivo Intervento anche in questo caso non platealmente ma concretamente del presidente di Lega B, Mauro Balata, col conforto dell’ufficio media della stessa Lega e le parole del presidente della società società Catanzaro votate al percorso di allontanamento dell’attenzione e della tensione verso Antonio Lopez. Interventi che sono stati preziosi.
Ussi nazionale, in ovvia sinergia con il gruppo Calabrese della Unione stampa sportiva italiana, rinnova il proprio sostegno e apprezzamento ad Antonio Lopez, ritenendo la sua vicenda simbolica per poter affermare ancora una volta i valori che ispirano ogni giornalista professionista che ama il proprio lavoro e racconta con lucidità lo sport che è materia più esposta agli umori e alle passioni.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.