///
Capienza negli Stadi: ripartenza e numeri

Capienza negli Stadi: ripartenza e numeri

In una delicata fase di ripartenza negli stadi e nei palazzetti, che si avvicina progressivamente alla auspicata normalità nei numeri delle presenze in ogni circostanza in cui la stampa è impegnata nel racconto dello sport, è auspicabile innanzitutto un comportamento rispettoso del lavoro. Non sono ammissibili (e saranno segnalate agli organismi di disciplina della categoria e alla giustizia ordinaria) delazioni o comportamenti diffamatori da parte di chi ha interesse ad inasprire il clima nel tentativo di creare fazioni che non hanno basi per alimentare tensione per puri interessi personali o legittimare posizioni e metodi di lavoro fuori dal protocollo e dalle regole del buonsenso e dei cardini professionali.
L’Ussi, che si batte indistintamente per le legittime esigenze di tutti i colleghi di penna e di clic, è al fianco di chi chiederà tutela e vorrà intraprendere azioni a difesa del decoro personale e della dignità professionale: la delazione, attraverso parole e immagini, è una violazione, oltre ad essere un comportamento di cui certamente ogni forma disprezzo manifestata è legittima.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

PREMIO GIORNALISTICO “LO SPORT E CHI LO RACCONTA”

E’ stato pubblicato il regolamento della quarta edizione del Premio giornalistico “Lo sport e chi lo racconta”.
Questo il tema: “Anno 2022: vittorie, sconfitte, storie, solidarietà”.
C’è tempo per inviare gli elaborati dal 10 settembre 2022 al 10 gennaio 2023. Premio di mille euro per i vincitori delle 5 sezioni previste